L’ora legale

ora-legale.jpg

Mi piacerebbe un paese nel quale una delle poche cose rimaste legali non sia solo l’ora che ci accompagna per sette mesi all’anno.

Oggi ho visto dei manifesti che annunciano la presenza di banchini per la raccolta di firme per il referendum per l’abolizione del lodo Alfano, quello che tutela l’immunità per le quattro cariche più alte dello Stato (che poi, è per tutelarne una, quella del pischello di Arcore).

Vado e firmo convintamente per tutelare un principio di eguaglianza all’interno di questa nostra comunità nella quale chi ha denaro e potere è più uguale di altri.

Siamo anche un paese che ha bisogno di mettere scritto per legge che pregiudicati o condannati non siano messi in lista quando sarebbe una formale norma di puro buonsenso, se i partiti fossero fatti di iscritti e militanti e non contenitori vuoti di idee e progetti gestiti da una piccola oligarchia.

Comunque, spostiamo indietro le lancette di un’ora e buona fortuna a tutti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Povera Italia. Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’ora legale

  1. victoria ha detto:

    pensavo pero’ che oggi e’ tornata l’ora solare..(l’ora legale torna sempre di primavera)?

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Si, è iniziato il periodo nel quale neanche l’ora è legale e dura fino alla primavera prossima.

  3. babeuf72 ha detto:

    Prima giornata di lavoro senza ora legale..
    Mi permetto una riflessione su un punto molto delicato che hai affrontato circa la non condidabilità di pregiudicati o condannati..in linea di principio sono d’accordo, a patto però che si distingua e si indichi tassativamente per quali reati debba scattare la non candidabilità..mi spiego..una cosa è essere indagati e/o condannati per associazione mafiosa, per corruzione, concussione, per bancarotta, pedofilia etc..è un’altra cosa è essere stato condannato o indagato per aver partecipato ad una manifestazione o in genere per reati “politici”..o anche più banalmente in quelche incidente “doloso”..non tutti i reati sono uguali, non tutti gli indagati sono uguali e non tutti i condannati sono uguali..quindi non a tutti gli indagati e non a tutti i condannati deve essere precluso la possibilità di essere candidati..occorre sapere distinguere.

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Precisazione giusta e doverosa, in quanto l’associazione mafiosa, il tangentismo, l’evasione fiscale ecc. ecc. non sono equiparabili a reati di parola, di opinione ecc. ecc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...