W Degustibooks – La finestra di Stefania

degustibooks-foto-da-infotoscana.jpg

Da dove cominciare?

Sono stata a Firenze venerdi e sabato e mi sono divertita da matti..

Partiamo dai food show: venerdi è stata la volta di Alessandro Borghese che con la sua palla di pelle di pollo, dell’isola di Bali è riuscito a creare un antipasto sfizioso abbinato ad un coktail originale con lime e cetriolo che alla fine sapeva di melone.. complimenti anche a Gianluca Gherardi che ci ha guidato con il cioccolato in abbinamenti salati e insoliti (vedi aggiunta del cioccolato al crostino nero toscano) per poi finire con dei cioccolatini sfornati al momento.

Mentre sabato si è presentato alle 18 allo spazio degustazioni Marco Stabile che ha presentato un lecca lecca di coniglio e pomodorini confit e dei twist di fegatini, vinsanto e liquirizia.. la fine del mondo.

Sempre sabato, ho avuto l’onore di conoscere Andrea Gori, con la sua degustazione di Sangiovese, la versione della purezza ci ha fatto divertire e soprattutto imparare nuove cose sul mondo del vino.

W Degustibooks e grazie a tutte le persone che hanno organizzato l’evento e che ci hanno fatto passare dei bei momenti di sapore e di piacere.

Stefania

Leggi anche “Eventi e Spettacoli“.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La finestra di Stefania. Contrassegna il permalink.

5 risposte a W Degustibooks – La finestra di Stefania

  1. Andrea Pagliantini ha detto:

    Certo, che il divertimento in queste manifestazioni non manca, così come la voglia di sperimentare e stupire di chi cucina di fronte al pubblico proponendo abbinamenti esotici e un pò di spettacolo.
    All’interno di una manifestazione del genere forse ha senso, ma poi cosa rimane in fondo di questi piatti?
    E’ preferibile un lecca lecca di coniglio o la sana e semplice cucina fatta di cose semplici e gustose?

  2. Andrea Gori ha detto:

    e ti pareva che non avessi da ridire andrea? 😉 ma non fosse altro che il lecca lecca ti fa venir voglia di mangiarti un coniglio intero arrosto tradizionale varrebbe la pena farlo assaggiare, no?
    per non parlare delle trippe di cappasanta che ci ha cucinato Italo di Pinchiorri…

  3. babeuf72 ha detto:

    Pensate di essere cosi simpatici a parlare di queste cose a quest’ora quando la prospettiva di che scrive è quella di un pranzo indimenticabile a base di un toast o di un tramezzino????
    Abbiate un po di pietà..

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Un pò rompicoglioni ammetto di esserlo, ma non ci sono cure per guarire.
    Però c’è anche un pò di curiosità per quelle cose cucinate con brio.
    Babeuf, ti consiglio i tramezzini con salsiccia, sono buonissimi…

  5. victoria ha detto:

    difendiamo i poveri animali, diventiamo i vegetariani!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...