Bollicine di chiulo

taglio.jpgculo.jpguva2.jpg

Sono da poco terminate le anteprime del vino toscano iniziate con la Vernaccia, e poi nell’ordine Chianti Classico, Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino.

Per una fastidiosa influenza non ho potuto partecipare a nessuno degli eventi, ma ho potuto confrontarmi con degustatori e produttori per sentire le impressioni a caldo e quel che si mormora nell’ambiente in un momento non proprio entusiasmante.

Il lamento, è il grido di battaglia che striscia al di fuori delle pomposità rituali stile “annata del secolo” o “grande successo di presenze fra gli addetti ai lavori”,”livello qualitativo eccelso” ecc. Aggiungerei poco di nuovo seguendo quel binario.

Invece voglio raccontarvi due storie sfiziose capitate fra i banchi delle anteprime.

Una riguarda un curatore di una guida che avvicinatosi alle bottiglie di un’ azienda ha chiesto se nei vini esposti “Ci fosse stato cabernet o merlot o uso di legno nuovo” nel caso, non li avrebbe assaggiati.

Il curatore della guida dimentica che fino a poco fa pompavano vini marmellatosi e densi tenuti a infusione nel legno piccolo come fosse una bustina di camomilla.

Altra sfiziosità la degustazione di un conoscitore di sangiovese come pochi, (anche perchè lo maneggia bene da trent’anni) che davanti a una bottiglia di 2007, ha dovuto guardare più di una volta l ‘etichetta per ricordare cosa stesse assaggiando e da dove provenisse.

Gli pareva di bere un vino del nuovo mondo e non credeva ai suoi occhi quando ha visto collegato e scritto il nome di un Grande che da quei succhi di legno e modo di intendere il vino, è lontano mille miglia e mille altre ancora.

Capito adesso il titolo del post?

Questa voce è stata pubblicata in svinato. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Bollicine di chiulo

  1. Capric ha detto:

    E’ curioso constatare come fino a poco tempo fa i vini per essere giudicati “grandi” dovessero essere neri, impenetrabili e legnosi.
    Adesso, gli stessi “esperti” hanno dato il contrordine: chi usa barrique/cabernet/merlot è un appestato.
    Ci vuole un coraggio da leoni oltre a una bella faccia di chiulo…

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non demonizzo chi usa merlot o cabernet, mi fà arrabbiare che nelle vigne passi per sangiovese, ma questo è un altro discorso.
    I disciplinari lo prevedono (tranne nel Brunello ovviamente) e se uno ci crede, fà bene a farli in quel modo.
    Quello che stona e molto sono le faccie toste che prima pompavano supertuscan neri e legnosi e ora pretendono “il sangiovese vecchia maniera”.
    Un pò di coerenza non guasterebbe.

  3. Francesco ha detto:

    eh si, ha proprio ragione carlo macchi, tra un po’ dovremo difendere barrique e merlot da questa nuova ondata di neotradizionalisti!
    vabbè, per qualche anno almeno avemo dei vini…umani e….anche bevibili
    ciao
    francesco
    ps quanto agli esperti….è la stessa situazione in tutti i campi, guardate oggi, moody’s ha declassato il titolo fiat…e sono gli stessi che promuovevano lehamn sino a tre giorni prima del collasso, vatti a fidare degli esperti!

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    La battuta di Carlo Macchi è strepitosa!!!
    E visto che la chiulaggine è infinita fra un pò spunterà qualche eccelso a dire di immettere uve bianche nel vino e principiare con le pratiche di governo.
    Carlo Macchi, dovrebbe essere al corrente anche del secondo episodio che racconto nel post!!!!!!!!

  5. Francesco ha detto:

    Andrea, se non ricordo male un governato era il base di vecchie terre e non era per nulla male, anzi. Mi sbaglio?
    ciao
    Francesco

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Il Governo, è la pratica di vinificare le uve normalmente e metterne una parte appese ad appassire per poi aggiungerle al vino appena svinato e lasciarlo così in macerazione fino alla primavera.
    Non sono molti che usano questa pratica, aziende grandi lo escludo, ma si ha la possibilità di aumentare il grado zuccherino e quindi l’alcol usando la stessa uva, oltre a conferire una beva, un morbidezza importanti.
    E poi favorisce lo svolgimento della fermentazione malolattica, cosa da non sottovalutare.

  7. Filippo Cintolesi ha detto:

    E’ quello che Nietzsche aveva teorizzato con la dottrina dell’eterno ritorno…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...