Renzo Montagnani 22 maggio 1997

amici-miei-2.jpgmontagnani.JPGamici-miei.jpg

Dottore, preside, insegnante, giardiniere, colonnello, ladro, carabiniere, ginecologo, maggiordomo ecc.

In quei filmettacci scoreggioni degli anni ’70 in cui un buco della serratura e quel marlonbrando di Alvaro Vitali non mancavano mai, fatti uno dietro l’altro per pagare le costose cure del figlio malato.

E’ stato questo Renzo Montagnani, ma è stato anche attore di pregio, nel fare il barista Necchi di Amici Miei e in filmoni come Il delitto Matteotti, Rappresaglia, Metello e il Don Fumino della televisione, oltre ad attore di teatro.

Se nè andato 12 anni fa oggi.

E qui raddrizza la Torre di Pisa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in persone. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Renzo Montagnani 22 maggio 1997

  1. Capric ha detto:

    Il massimo rispetto per uno dei grandi maestri della “commedia all’italiana”.
    Proprio in questi giorni mi sto riguardando la trilogia di Amici Miei, dove negli ultimi due episodi interpreta il mitico Necchi.
    Questi film sono davvero un capolavoro dove risate, zingarate, ironia, dolore e malinconia si fondono in un tutt’uno: Renzo Montagnani interpretava questo ruolo in maniera sublime.

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    E la sai una cosa Capric?
    Ho rivisto quei film nel corso del tempo e degli anni e all’inizio erano divertimento puro e assoluto, poi maturando li ho visti sotto una luce diversa, mi sembra che siano i film più malinconici e dolorosi mai siano stati realizzati.
    Al centro di tutte le storie c’è un tema ricorrente che va aldilà delle zingarate e degli schiaffi alla stazione che non sono altro che un anestetico di cinquatenni verso la solitudine e un mondo che gli cambia intorno possibilmente in peggio, in cui comunque non ci si riconoscono.
    Non ci sono più le osterie, le battone che fanno colazione insieme ai giornalisti nei bar della stazione e dei viali, i personaggi sani e veri di quartiere.
    Adesso la città non è altro che un ristorante con 5 cappelli una boutique dietro l’altra e studi di commercialisti che ti spiegano come non pagare le tsse.
    Il Perozzi, il Necchi, il Melandri, il Sassaroli e il Mascetti adesso fuggirebbero di corsa nelle desolate e sterminate terre della Patagonia.

  3. 1f5d Capric ha detto:

    Hai ragione Andrea… forse se ne andrebbero.
    O forse sarebbe l’occasione per il Mascetti per fare un’altra supercazzola.
    E di gente alla quale fare una supercazzola, avrebbe l’imbarazzo della scelta!

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Li vedrei bene in qualche angolo di Calabria…… te l’immagini quei matti mentre spostano gente e paesi per far finta di fare il ponte di Messina e magari mettere un pilone di sostegno proprio al centro della città o della cattedrale?

  5. cinzia ha detto:

    … EUREKA.
    …non posso che dire poche parole… GRAZIE.
    sono la nipote del “NECCHI”, forse l’unico film, in cui zio recitò…. se stesso.

    C.

  6. cinzia ha detto:

    un appunto … ” perch’io dovetti mostrare il culo! perchè il teatro non paga!”

    Fu SOPRATTUTTO attore teatrale. E sì, si sta sicuramente rivoltando nella tomba a vedere qs epoca di “meteore”. Resto io, a perseverare nella crociata della meritocrazia e del talento.
    Se ci fosse ora sarebbe colpito da quante persone lo ricordano… e sorriderebbe leggendo quel che qui avete scritto. 😉

    C.

  7. Ambra ha detto:

    ricordiamoci di lui come attore di teatro e splendido doppiatore
    Aristogatti “Sò Romeo er mejo del colosseo”……grande 🙂
    Ambra

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ Cinzia,
    sono felice del tuo arrivo e del tuo intervento su questo blog.
    “Sò la nipote dì Bar Necchi” mi pare detto con la voce di Renzo Montagnani!!
    Cito spesso (parlando di vino) fra le pagine di questo blog le supercazzole, in questo caso le tiro fuori a commento di parole astruse che descrivono un vino o una sua degustazione in cui non si capisce niente e chi assaggia vuole far vedere quanto è bravo ma senza far capire se beve vino o sambuca.
    Come se fosse antani anche per lei soltanto in due.
    Grazie Cinzia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...