Ponte sullo Stretto e mucche da mungere

libro.jpgalbastrettomessina.jpgponte_nograzie.jpg

Giovedi 18 giugno ore 17,30

Aula consigliare della provincia regionale di Messina

Presentazione del libro:” Ponte sullo Stretto e mucche da mungere”

Intervengono gli autori Antonello Mangano, Peppe Marra, Luigi Sturniolo.

Se siete in zona partecipate all’evento o aderite alla manifestazione contro quella minchia di costoso arnese sospeso sull’acqua, indetta per l’ 8 agosto, sul sito della Rete No Ponte.

Questa voce è stata pubblicata in libri, luoghi, Porcate. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Ponte sullo Stretto e mucche da mungere

  1. Claudio ha detto:

    Perchè tu ancora credi che vogliono davvero fare il ponte? è una presa per i fondelli per quelli che gli danno il voto e nel frattempo fregarsi i soldi con costosissimi progetti.
    Secondo me il ponte non si puo fare con la tecnologia di adesso.

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ne parlano in continuazione, questo è certo.
    Poi che lo si possa fare non ho idea, non ho cognizioni tecniche in materia e non sò se adesso con queste tecnologie sia fattibile oppure no.
    Di certo i finanziamenti ci sono, ma questo è un altro discorso….

  3. Filippo Cintolesi ha detto:

    E’ una delle classiche cosa da “ci vuoleee…” (ci vuole il portaleee… ci vuole la filieraaaa… ci vuole il ponteeee). Uno scarica barile intellettuale.
    Intellettuale e’ una parola grossa. Insomma: una scusa. Un qualcosa sul cui non esserci ancora poter riversare la responsabilita’ di tutto quello che non va. Quando questo genere di cose viene realizzato, poi, si apre tutta una fase solluccherosa, assolutamente da non sprecare, in cui ci si puo’ lamentare di “come” e’ stata fatta, oppure dell'”opportunita’” che e’ stata dilapidata. In mancanza di disastri naturali, le societa’ se li creano di artificiali.
    Questo, invece, (il mio, intendo dire) e’ “qualunquismo”.

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    No, questo intercalare vuoleeeeeeeee, portaleeeee, filieraaaaaa, ponteeeeee è solo milanesismo nano.

  5. Filippo Cintolesi ha detto:

    No, no, il milanesismo non c’entra nulla in questo caso. E’ solo un mio limite di non sapere esprimere per iscritto il tono giusto. Ora mi viene in mente un ricordo sonoro che almeno gli over 40 dovrebbero poter condividere: l’allungamento delle eee finali serve a rendere il tono di quel personaggio di cui non ricordo il nome e che faceva la reclame del BioPresto, immerso nell’acqua della lavatrice (no-ooo.. non esiste lo sporco impossibileee..)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...