Come salvarsi dalla Mosca (olearia)

L’inverno appena passato è stato serio e vero ed ha bonificato e disinfettato dalle uova di bacherozzi pronti adesso ad assalire le olive in crescita.

Vi sono pochi pericoli di un’infestazione di mosca olearia, ma è sempre meglio essere vigili, per cui consiglio a quanti lo hanno fatto lo scorso anno o lo faranno adesso leggendo questo post, di piazzare qua e là fra gli olivi, le bottiglie con la miscela di aceto e miele.

Gli ingredienti, sono sempre gli stessi.

Con dieci litri di aceto e 1 kg di miele miscelati, si possono riempire fra le 10 e le 12 bottiglie da 1,5 litri riempite fino alla curvatura dell’impugnatura dove verrà praticato un foro per fare entrare le mosca attirata dall’odore del miele e seccarla con l’afore dell’aceto.

Le bottiglie vanno legate alla pianta ad altezza occhi.

Consiglio di mettere una parte di bottiglie in direzione sud, perchè è da quel lato che arrivano le moscacce più pericolose per le olive.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Come salvarsi dalla Mosca (olearia)

  1. alberto giammaria ha detto:

    E’ luglio, siamo prossimi agli attacchi della mosca.
    Poco tempo fa sono venuto a conoscenza di una tecnica simile a quella descritta.
    Consiste nel piazzare bottiglie di plastica colorate riempite con acqua fino alla curvatura con all’interno un paio di alici.
    Anzichè praticare un foro, occorre tagliare la bottiglia appena al di sotto del tappo.
    Penso che il metodo sia più economico rispetto a quello descritto.
    Chiedo: è un valido metodo?
    grazie

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ho avuto conoscenza diretta di questa tecnica direttamente in Calabria.
    Provando i due sistemi la soluzione con l’aceto e il miele è quella offre maggiori risultati e funziona benissimo in situazioni endemiche di mosca come la piana di Gioia e altre zone marine della stessa regione eliminando non pochi trattamenti.
    Non mi pare abbia un costo eccessivo questo rimedio, l’aceto in qualsiasi supermercato lo si trova a pochi centesimi a litro e anche il miele ha prezzi più che bassi.
    Molto, molto, infinitamente più bassi che fare un qualsiasi trattamento con insetticidi senza contare l’impatto che ne ha l’ambiente, le persone, il prodotto finale.

  3. Filippo Cintolesi ha detto:

    Se mettere due alici al posto di aceto e miele risulta piu’ economico, mi sa che sono alici buone giusto per le mosche….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...