Olivi dove sono

Amici e appassionati chiedono sempre più spesso informazioni sugli olivi che curo e come fare a vederli.

Queste persone, abitando lontano devono limitarsi alle  mie parole, qualche foto, il racconto del corso delle cose sul blog.

Adesso e in ritardo (colpa mia), grazie alla tecnologia si può permettere a chiunque di fare un giro fra gli olivi, pur stando seduto comodamente a casa propria, con l’avvertenza  di sapere da subito che il salotto di casa o l’ufficio non saranno la stessa cosa di camminarci fisicamente dentro.

Le olivete sono libere e percorribili da chiunque (stronzi e ipocriti esclusi) passa da queste parti, l’unica avvertenza è di farlo a piedi.

Da casa o dall’ufficio, si possono utilizzare oltre Google Maps, Google Heart, il sito cartografico della Regione Toscana.

Foglio 22 comune di Gaiole in Chianti

Particelle  22 – 23 – 33 – 68 – 69 – 73 – 75 – 257 – 258

Foglio 21 comune di Gaiole in Chianti

Particelle 219  –  225 – 265

Buona passeggiata o buona visione dall’alto con le diavolerie della tecnologia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in campino e olio. Contrassegna il permalink.

22 risposte a Olivi dove sono

  1. lallero ha detto:

    ma alessandra vive tra gli ulivi?

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    E’ sempre divisa fra querce ed olivi, ma non mi piace quel posto, non mi lascia per niente tranquillo.
    C’è gente che ai cani getta addosso spray urticanti, spara, riempie di botte.
    No, non sono per niente tranquillo e appena è possibile prendo provvedimenti.

  3. Filippo Cintolesi ha detto:

    Giusto per scrupolo, o per scaramanzia, o per quel che vi pare a voi, mi pare il caso di precisare che il luogo dove e’ ritratta Alessandra nella foto centrale delle tre, NON e’ dove vive (dunque luogo che non piace, non lascia tranquillo, dove c’e’ gente che picchia i cani eccetera), bensi’ a casa mia, un pomeriggio di qualche settimana fa quando era passata col su’ padrone a fare un saluto.
    Tanto perche’ non si addensassero macumbe di alcuno/a verso quelle pietre… 😉

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Tranquillo Filippo, la manovalanza violenta e sparatrice, non sà neanche cosa sia una macumba, conosce solo e la forza bruta e il poco cervello quando nessuno lo vede.
    Se conoscesse la macumba o il voodo avrei vermi mi scapperebbero dagli occhi da molti mesi!!
    Comunque è meglio si spari nelle palle da solo prima tocchi un qualsiasi animale.

  5. Ci.... ha detto:

    Non posso pensare ci siano persone così malvage e trattano in questo modo gli animali.
    Mi piacerebbe parecchio fare una caminata fra gli ulivi…

  6. lallero ha detto:

    spay urticante?
    spari?
    botte?
    ma lo sanno che il diavolo fa le pentole e non i coperchi?
    a far del male agli indifesi si paga anche con la galera
    attenti non sempre va come si vuole

  7. anna ha detto:

    succede, smarrendosi, di accostarsi al ciglio della strada e non aver più voglia di proseguire. rimanere a camminare, camminare senza orologio, in mezzo a ulivi..vedere una bestiola che senza conoscerti scodinzola da lontano. in programma di un ritorno per i colori autunnali. Si legge del pericolo che c’è su Alessandra e un po’ di inquietudine arriva. Cecchini? .. ebbene sì ce ne sono ancora, meglio per loro che risparmino le idee su Ale e le convoglino su soggetti “umani” meritevoli di questo tipo di attenzione, in giro ce ne sono anche troppi. Sottinteso, la passeggiata non è stata rinviata , anzi, diventerà un itinerario ricorrentte. Anna

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    http://andreapagliantini.simplicissimus.it/2008/07/07/sedetevi-sotto-il-noce/

    questo uno spazio predisposto per chi passa.
    In un anno non c’è stata lasciata una cartaccia o una schifezza da chiunque capitando per caso o per obiettivo ci si è fermato.
    Famiglie, ragazzi, innamorati fra loro e poi del posto, ognuno ne ha tratto un ricordo positivo.
    Ogni olivo e scorcio è a disposizione di chi per caso o per voglia capita qui.
    Chi disprezza gli animali, chi annusa solo perbenista e ipocrita il tanfo dei soldi, chi nell’animo è testa pelata, ha tanto altro spazio in cui andare.
    Comunque, qui si parlava di camminare gra gli olivi o vederli da casa, un perdiamo tempo con gli ipocriti stronzi.

  9. Filippo Cintolesi ha detto:

    No, no: nel caso da me paventato non sarebbe stata la manovalanza sparatrice a fare una macumba contro quel muro, bensi’ qualche lettore/trice particolarmente in collera con l’idea che esista simile manovalanza, e magari con l’idea (sbagliata) che spari spray urticanti e botte abbiano avuto luogo nei pressi del luogo ritratto nella foto in questione. Qualcosa come: “ah! brutti stronzi! speriamo vi crolli in capo quel muro di pietra..” o cose simili.
    Invece no (mi piace ribadire): la’ dove Alessandra e’ stata fotografata, e’ serena e al sicuro. Anche perche’ cola’ si trova quel cogliombero di Enea, suo spasimante (anche se ormai deluso).

    Comunque va bene rispettare gli animali, ma non mitizziamoli neppure. I tanto disprezzati esseri umani che sono capaci di tanta malvagita’ eccetera, secondo me sono molto piu’ interessanti e meritevoli proprio per questo, che sono appunto capaci di malvagita’. Non essere malvagi e’ cioe’ frutto di una scelta e di una decisione, non di un istinto. Chi non e’ in grado di essere malvagio non puo’ neppure essere “buono”. Secondo me.

  10. Capric ha detto:

    Filippo, tanto di cappello

  11. Andrea Pagliantini ha detto:

    Te la butti in filosofia, ma a me non interessa approfondire la conoscenza o i ragionamenti di qualcuno che spreca il suo tempo e le sue capacità nella malvagità, sia pur dettata da un ragionamento e non da un istinto.
    Da me chiapperà sempre una pedata nelle palle, non la curiosità di come possa essere arrivato nei ragionamenti a far male al prossimo.
    A me dei cunicoli mentali di Hitler, dracula o Testa Pelata non importa proprio niente, la risposta è sempre la medesima.
    Alla luce di fatti appena conclusi potrei dire che più conosco le persone più voglio bene agli animali, ma non lo dico.
    Amo, proteggo o aiuto con tutto me stesso le persone sane che ho a cuore.
    Ipocriti, stronzi e tutto il campionario, non li baratterei però con un rutto di Alessandra.
    Lo stesso vale per chi si diverte a scioglierla perchè vorrebbe far girare le scatole a me.Che pena.

  12. Filippo Cintolesi ha detto:

    Non mi sono spiegato, forse. Io non la butto in filosofia piu’ di quanto non ce la buttiate voi altri. Mi riferivo semplicemente a quelli che mi sembrano frequenti accenni su questo blog (da parte tua, Andrea, e di altri lettori o lettrici) al fatto che gli animali sarebbero meglio degli umani. Perche’ incapaci di fare del male. Bene, il mio punto e’ che il merito sta proprio nel non fare del male per scelta, e non per incapacita’ a concepirlo. Figurati che me ne frega a me di giustificare gli atti di malvagita’ da parte di chi li compie. E’ il contrario: intendo sottolineare la meritevolezza di chi NON li compie. Per sua decisione e non per istinto.

    Quanto alle teste di cazzo che danno la via ad Alessandra, inutile prendersela fin tanto che non si hanno le prove o non li si coglie sul fatto. Piuttosto cercherei di sottrarla (Alessandra) a queste o ad altre peggiori manifestazioni di spregio. Prima che le teste di cazzo riescano nell’intento di creare problemi. Prevenire e’ sempre meglio che curare.
    Poi, fa’ te.

  13. Andrea Pagliantini ha detto:

    Così messo mi piace molto di più, però aggiungerei anche che non fare del male al prossimo non voglia intendere dare le proprie mele a disposizione di chiunque tenti di violentarle.
    Il verbo cristiano del porgere l’altra guancia a me non convince per niente, si viene presi per candidi, peggio per scemi a pigliarla nel culo e non reagire o perlomeno far sempre finta di niente a me proprio non mi sta bene.
    Se a me sciolgono per dispetto il cane scoppia un’inchiesta parlamentare, poi se si seminano rifiuti e schifezze ovunque, si costruisce di nascosto abusivamente, passano sottobanco migliaia e migliaia di euro, tutti zitti.
    Le teste di cazzo pur di modificare la realtà del quadro di insieme delle cose e spostare l’attenzione su altro e che soprattutto porti un beneficio, non si fermano e non si fermeranno davanti a niente.
    Io i provvedimenti del caso, li prendo,ma più che altro curo in questo momento.

  14. Filippo Cintolesi ha detto:

    Non far del male significa non far del male. Difendersi dal male altrui non e’ fare del male. Al contrario: non difendersi sarebbe fare del male. Credo anche per il verbo cristiano (del quale, pure, non sono un esperto). Dopo tutto, Cristo avra’ anche detto porgi l’altra guancia, va be’. Ma ha pure detto: ama il tuo prossimo come te stesso. Cioe’ non ha detto di amarlo piu’ di te stesso. La difesa e’ sempre legittima, ci mancherebbe. Anche per un estremista cristiano, credo. Il discorso del “non ragioniam di lor ma guarda e passa” secondo me e’ un altro, col cristianesimo non c’entra nulla. Al contrario e’ per puro e semplice orgoglio che in alcuni casi (sempre secondo me) merita piu’ non raccogliere la provocazione. Se Tizio e’ convinto di avertelo tirato nel culo ma te il bruciaculo non lo senti.. che devi fare? Lascia pure che Tizio si tenga la sua convinzione. Diverso, ovviamente, il caso in cui il bruciaculo si sente eccome. C’e’ poco da far finta di nulla in quel caso.
    Colpire la’ dove fa piu’ male. Non dove farebbe piu’ male a te se fossi al posto suo.

  15. Andrea Pagliantini ha detto:

    Comincio ad essere sazio di tanto perbenismo di maniera che nasconde solo una valanga di ipocrisia sulla vera realtà delle cose.
    Immagine floreale di persone nere dentro come il carbone e l’inchiostro mescolati che vogliono fare la morale a tutti, quando si sà benissimo da dove vengono e dove hanno la scatola dei valori veri e non a parole: nel portafoglio.
    Come era la canzone?
    “Compagni avanti gran partito, noi siamo dei lavorator, grosso fior in petto c’è fiorito……….”
    Ridicoli.
    Ma che c’entra tutto questo con gli olivi ed Alessandra?

  16. Filippo Cintolesi ha detto:

    Quale “tanto perbenismo di maniera”? Chi e’ che vuol fare la morale a tutti?

  17. Andrea Pagliantini ha detto:

    facciata aureola onorevole di figli del popolo, di dietro danè, danè e ancora danè.

  18. Filippo Cintolesi ha detto:

    A proposito di cosa c’entra tutto questo con gli olivi e Alessandra, me lo sono chiesto anch’io, ma dovresti darla te la risposta. Sei te che infili stronzi ipocriti e leccaculi in moltissimi pensieri dedicati principalmente ad altro. E si sa, anche in televisione funziona cosi’, il trash tira molto, non c’e’ quindi da stupirsi se la platea sviluppa poi piu’ queste considerazioni che il filone principale.

  19. Andrea Pagliantini ha detto:

    E infatti non c’entra assolutamente niente, però è colpa mia se non tutto è sempre oro quel che luccica?
    Comunque basta aver tempo e paglia e tutti i frutti maturano.
    E basta stare a pesare l’aria calda dentro i palloni aereostatici.

  20. Filippo Cintolesi ha detto:

    ?

    Vu’ssehe di morto criptici su questo blogghe..

  21. Ci.... ha detto:

    Il Pagliantini è la persona più disponibile che conosco……… il casino è quando gli si fa male o si piglia per il culo allora diventa peggio di un gatto selvatico e non se ne scorda.
    Verrò a vedere Alessandra e i tuoi ulivi e mi terrò al riparo di quegli stronzi.
    Non ho speranze………… ma ti ammiro.

  22. Andrea Pagliantini ha detto:

    Impossibile dar peso a chi è come l’aria calda dentro le mongolfiere, e poi basta creare falsi miti.
    Del Testa Pelata ci sono lettori che si arrabbiano se non ne parlo, persino dall’estero chiedono notizie e aggiornamenti!!!
    Non voglio creare il mito ad altri nuovi mostri.
    E il tempo è troppo prezioso per essere speso per chi non esiste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...