Un letto nel mondo – Controcorrente di Capric

Letteralmente vuol dire “fare surf sul divano”. In realtà è una rete che, dal 2004, mette in contatto persone di tutto il Mondo che chiedono ed offrono disponibilità di alloggio per un breve periodo di tempo (solitamente 2 o 3 giorni). Da un capo del Mondo c’è qualcuno che chiede un posto per dormire e dall’altra qualcun altro risponde di si o di no.

L’unico obbligo morale che si ha accettando di far venire una persona a casa propria è quello di fornirgli una sistemazione accettabile (almeno un divano…) e magari dimostrarsi anche disponibile a fare da cicerone per la città. Analogamente, nel ruolo di visitatori, ci s’impegna a comportarsi bene e non creare problemi o situazioni spiacevoli.

Il tutto è ovviamente senza scopo di lucro e non si è obbligati ad accettare tutte le richieste di ospitalità, ma basta rispondere con garbo che non si è disponibili. Se ci si comporta male (sia come visitatori che come padroni di casa) viene abbassato il rating di affidabilità.

Un modo simpatico ed economico per viaggiare, conoscere posti diversi e persone di tutto il Mondo. Ad oggi sono iscritte al network milioni di persone, quindi è abbastanza affidabile: certo, il rischio di trovare qualche imbecille c’è, anche perché la mamma dei cretini è sempre incinta… ma questo è un altro discorso!

Questa voce è stata pubblicata in Controcorrente di Capric. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Un letto nel mondo – Controcorrente di Capric

  1. Laura ha detto:

    buongiorno
    desidero sapere il costo e come acquistarlo
    grazie

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Inoltro la sua richiesta a Capric, l’autore dell’articolo signora Laura, è lui si intende di uncinetto.

  3. Capric ha detto:

    Buongiorno Laura,
    in realtà non c’è nessun servizio da acquistare o balzelli da pagare.
    Basta registrarsi sul sito http://www.couchsurfing.org/ e cercare tra le offerte di ospitalità altrui piuttosto che offrire la propria disponibilità di sistemazione.
    E’ tutto a costo zero, l’unica avvertenza è che il sito è in inglese.

    @Andrea
    come ben sai io vado forte col punto croce

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Capric, non lo sapevo, di solito con il punto a croce a modo mio me la stracacavo più che bene, di te non avrei mai detto, pensavo ti fermassi alla trina e a fare vestitini per i nani da giardino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...