Navi a perdere

Poche ore fa, è stata rinvenuta a 20 miglia dalla costa calabrese di fronte a Cetraro, nel Tirreno Cosentino, il relitto di una grossa nave, inabissata volontariamente per far sparire il suo contenuto di materiali pericolosi e inquinanti.

Si è arrivati al ritrovamento grazie alle rivelazioni di un pentito della malavita locale.

I casi di malattie e radioattività nella zona, sono molto, ma molto maggiori che nel resto del paese.

Esseri spregevoli neanche si curano dei danni e del male prodotto a chi vive in quei luoghi pur di mungere denaro in qualsiasi modo.

Siete la vergogna della Calabria e dell’Italia.

Altre informazioni sul sito di Rainews 24, Il Quotidiano della Calabria, Corriere della Sera, Amantea Net

Questa voce è stata pubblicata in Porcate. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Navi a perdere

  1. anna maria ha detto:

    Davanti a fatti del genere si rimane veramente scioccati e senza parole
    E’ incredibile come ci siano delle persone che per denaro non si fanno nessuno scrupolo e non pensano alle conseguenze di quello che fanno
    se fosse possibile li metterei ad aiutare nel recuperare il tutto( almeno 8 ore al giorno …per alcuni mesi)oltre a condannarli a pagare tutte le spese per il recupero e smaltimento
    anna maria

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Nobile proposito quello di prendere i responsabili del gesto e metterli a ripulire, però ci sarebbero dei problemi oggettivi.
    Prima di tutto questa gente va presa, in secondo luogo tutto il materiale sepolto in mare va tolto quanto prima e smaltito.
    La ripartizione dei costi non può e non deve essere addebitata alla collettività dopo il pesce radiattivo e le malattie aumentate.
    La forma di indennizzo migliore è lotta senza quartiere a questi soggetti ed esproprio immediato di beni liquidi, azionari, immobiliari che posseggono.
    Non vi è altra soluzione se non colpirli in quanto hanno più a cuore: il denaro e il potere che esso genera.

  3. Claudio ha detto:

    Io auguro a chi compie queste malefatte, e complici. che prendano pure una di queste malatie così (forse …. se il loro cervello abbia tanta capacità) capiscono cosa vuol dire soffrire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...