Olive del Campino, Mosca Olearia, intervista ad Andreas Marz

Nelle piante piccole le olive sono quasi tutte seccate per la stagione che tutti sappiamo, nelle grandi, le gronde che scendono sono piene come striscie di mitragliatrice.

Il bollettino settimanale dell’ARSIA dice che non vi sono infestazioni dell’insopportabile Mosca Olearia.

Mentre qui troverete una bella intevista di Carlo Macchi di Winsurf al giornalista Andreas Marz che parla di olio e libertà di stampa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, fotografie 2009. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Olive del Campino, Mosca Olearia, intervista ad Andreas Marz

  1. piergiovanni ha detto:

    Quando si vedono immagini di olivi carichi si allarga il cuore ! 🙂

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Da te nel cosentino ho sentito di tanta pioggia nei giorni scorsi, come è la situazione?

  3. In Molise (ma credo anche nel resto del centro sud) la mosca olearia fa festa 😦
    Iniziamo sabato, in anticipo di qualche giorno rispetto allo scorso anno.
    Annata delicata.

  4. piergiovanni ha detto:

    Sono stato bloccato per giorni in casa, in compenso ho avuto danni non rilevanti, una cinquantina di metri di recinzione a terra.
    Per fortuna sia gli agrumi che gli olivi hanno reagito bene.
    Piuttosto la cosa strana è che c’è un forte ritardo di maturazione.

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    C’è poco da fare, siamo sotto il tetto del cielo, Francesco, mi pare incredibile come ogni anno la tua raccolta delle olive che coincide con quella dell’uva e accidenti a quella maledetta Mosca Olearia.
    La recinzione a te che serve Piergiovanni, mica avrai anche lì mandrie di daini bradi?
    Da me come vedete nelle foto qualche frantoio sarebbe già pronto…… ma se non porto le olive in Molise qui non me le moliscono fino alla fine di ottobre.

  6. piergiovanni ha detto:

    Non ho i daini Andrea, ho la gente che me le ruba le olive !! 😦

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Roba da pazzi!!!!!!!!!
    Ma non ce li hai mai visti?
    Ora, rubare i cocomeri è semplice, ma le olive vuol dire disporre di tempo e di luce… un cocomero al buio lo trovi anche se ci inciampi…
    Che gente c’è a questo mondo!!!!!!!!!!!!!

  8. Ric ha detto:

    Ma con tutti quei pali, tondini di ferro e filetto che ci vuoi fare nel Campino un bell’annesso abusivo? 🙂

  9. Stefania ha detto:

    bellini quei pali…..che vuoi fare un palazzone alla bona anche te?

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non vi mettete in testa strane idee, quei pali, quei tondini, quei rotoli di filo, sono stati scaricati lì per sbaglio (e non sono miei) da qualcuno in vena di restauri.

  11. Rimandato l’inizio a lunedì.. è venuto giù il diluvio universale.
    Ciao!

  12. Andrea Pagliantini ha detto:

    Spero non ci siano stati danni o siano cadute tante olive in terra.
    Ti auguro raccolta ampia e dalla qualità eccellente come quella che accompagna sempre le annate di Parco dei Buoi.

  13. Ric ha detto:

    Non mi convinci, con tutti quei pali vuoi darti all’edillizia da fine settimana 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...