Gruppo di appoggio a Testa Pelata

Non è giusto infierire ed offendere quell’ homo sapiens del contabile Testa Pelata.

Quando aveva in mano il blocco degli assegni su cui basava il potere veniva osannato e glorificato, quasi un nuovo Keynes, un nuovo premio Nobel in pectore che si aggirava fra  vigne e cuccioli di vacca da ingravidare con tanto impegno e poco costrutto.

Quando potente e danaroso si lumacava per le campagne  come facente funzione di uno che capisse qualcosa e fingesse di essere onesto, tutti a baciare  mani, tutti a leccare per  un briciolo di dollaro in più.

Caduto in disgrazia e capito la fondatezza di quanto è diplomato (a pagamento) in strategia della cazzata incompetente, le uniche spalle su cui appoggiarsi a piangere saranno di chi l’ha sbertucciato a fin di bene.

Amico su cui può sempre contare.

L’amico del cuore, il gemello siamese si smarca e fugge.

Un tempo attaccato per l’ano facente funzione di organo dei sentimenti del battito cardiaco si è separato, lo sbertuccia, l’abbandona nel momento del bisogno.

Non va bene.

Uno è grezzo e tonto, l’altro penetra con garbo felpato di twed inglese pettinato da Cesare Ragazzi.

Due poco limpidi,  uniti da un solo scopo nella vita: mungere il prossimo con garbo o sguaiatamente,  la differenza di stile fra il Testa e l’ ex amico  battente nello spazio limitato ad un portafogli.

Lo sguaiato in disgrazia fa tenerezza. Sono già stati aperti due gruppi di fans del Testa Pelata.

L’altro  è un  effervescente timoroso di ogni sbadiglio del ciuco.

Il  sogno?

Riempire le foreste di annessi agricoli (che si drusciano e per erezione diventano palazzi) partoriti con microaziende forestali da meno di un ettaro.

Riesce bene.

Questa voce è stata pubblicata in Storie di Testa Pelata. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Gruppo di appoggio a Testa Pelata

  1. Ci..... ha detto:

    Chissà quanta gente gioisce perchè l’hanno spedito a calci.
    Di certo un pò anche te.
    Ne ha combinate diverse, il mondo è piccolo.

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    La cosa importante è che abbia smesso o sia stato impedito di fare male al prossimo come era abituato a fare.
    Poi, non c’è da gioire, c’è solo l’amarezza di constatare come l’avidità riduce le persone al suo punto più basso e privo di sentimento umano.
    Nessuna gioia, solo tanta pena per come era sceso di livello, lui e altri amichetti suoi.
    Facile adesso dare addosso all’agnello sacrificale e smarcarsi, troppo facile.
    Quando aveva in mano soldi, tanti soldi da spendere e gestire, lo si sapeva chi era e come era, però nessuno gli dava addosso, nessuno lo considerava e trattava ciò che era.
    Facile adesso dare addosso a chi è caduto in disgrazia, ancora più facile ora che non ha soldi da elargire.
    Chi è più ipocrita adesso, il Testa o i falsi amici che prima lo leccavano e lo incitavano, nel caso ce ne fosse bisogno ad essere ancor più carogna del normale?
    Il Testa ora mi è simpatico, sono gli ipocriti degli ex amici suoi per soldo che fanno enorme pena.
    Il Testa vorrebbero fosse ridotto a pedina sacrificabile per nascondere il marcio e riprendere le malvagità di un tempo.
    No cari, troppo facile.
    La stessa ipocrisia della stessa medaglia.

  3. Calippo ha detto:

    Il coglione di turno c’è sempre…e ci rimette parecchie cose!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Appunto, il coglione impresentabile e indifendibile a cui dare tutte le colpe.
    Facile adesso prendersela con il più debole.
    Ma ha fatto tutto da solo o era con altri che ora si smarcano rivendicando una verginità che neanche lo spirito santo nel pieno delle sue forze potrebbe ridonare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...