Buongiorno notte a San Gusmè

Piccolo borgo bello perchè non c’è niente di artefatto, tranne un catafalco di vetro e ferro montato dal Monte dei Paschi per farci  un  bancomat uguale a Mazinga Zeta.

Se altro niente si limita ad una chiesa del 1500 con una pittura di Pietro Sorri,  di scuola senese del ‘500, (per visitare la chiesa, basta chiederlo al sarto nella piazzetta e sarà felice di farla visitare e fare un ritrattino storico) le stradine strette, il vento che le taglia, la bottega di Remino in cui assaggiare il sapore del Chianti perduto.

La vecchia cassetta della posta che faceva parlare con il mondo, la statua del Luca Cava che continua a fare i suoi bisogni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2010, luoghi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Buongiorno notte a San Gusmè

  1. Liz ha detto:

    Sono legata a quella cassetta della posta mi piace molto parlare con quel mondo.

  2. Stefania ha detto:

    Il bancomat è da paura….sta bene alla Tognazza, mica dove l’anno messo…anche se è ecologico e con pannelli solari è proprio un cazzabubbolo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...