Gennaio 2010

Un mese di “altre solite cose”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2010. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Gennaio 2010

  1. ag ha detto:

    A me quelle cose così arcuate da divenire dritte mi fanno venire sempre caldo anche in questo gelido gennaio

  2. desian ha detto:

    mi ha fatto morire la scritta sul campanello: sempre meglio mettere le mani avanti e l’antidoto sarebbe: “non suonate: rischiate di trovare dei cafoni dietro il portoncino”… ehehehe

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ ag

    Sono un buon antidoto alla noia, basta non provare ad arcuare se non si è abituati… in quella posizione estrema è facile finire in ortopedia.

    @ desian
    sulla porta, non c’è la targhetta di chi ci abita, solo quella scritta che mi ha fatto sbellicare.
    Ad onor del vero, però c’è da dire che si trova, casa unica nel mezzo ad un incrocio frequentatissimo e immagino che d’estate mentre sono a mangiare ne avranno fin sopra i capelli di tedeschi che chiedono in alemanno per dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?

  4. LALLERO ha detto:

    ag
    :))))
    e’ facile anche se non sembra….
    leggermente doloroso all’inizio
    ma se non ce l’hai non ti verrà mai

  5. ag ha detto:

    Altro che antidoto contro la noia, quelle sono le gioie della vita!!!

  6. anna maria ha detto:

    Le 3 “NUOVE SEGNALETICHE” sono molto spiritose e visibili
    Che differenza c’e’ tra Uliveto ed Oliveta???
    Anna Maria

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ Anna Maria,
    nei prossimi giornni farò un post dedicato alla segnaletica verdolina.
    Per quanto riguarda la differenza fra oliveto e uliveto, non saprei.
    Noto che nel linguaggio parlato, viene di dire uliveta, nello scritto viene di scrivere oliveta……… credo sia solo una differenza letterale, poi la sostanza quella rimane.

  8. ag ha detto:

    Pensavo…… ma a maggio il gozzo torna nel suo più consono ambiente o ci fate rafting nel Greve?

  9. Andrea Pagliantini ha detto:

    Io son quasi dell’idea che quella barca ritratta sotto il moro finirà per metterci le barbe……… diciamo che ormai fa parte del paesaggio tipico della zona.

  10. Filippo Cintolesi ha detto:

    Col pifferone che ci mettera’ le barbe! Magari proprio a maggio nel suo piu’ consono ambiente, no. Ma fra non molto il gozzo cambiera’ posto, verra’ sverniciato e ripitturato. Pronto al suo secondo varo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...