Eroi di carta o nuvole parlanti

Molti di loro non si trovano in edicola da tanto tempo, altri sono vicini alla conclusione del ciclo come Magico Vento, altri resistono agli anni e al cambio generazionale come Tex.

Alcuni di questi, mi riferisco a Ken Parker, allo stesso Magico Vento, in parte Mister No,  in età adulta appaiono come letteratura a disegni, dei veri classici da leggere e rileggere.

La tecnologia ha stravolto il modo di usare il tempo, però  ci sono generazioni che hanno passato più ore insieme a questi personaggi che sui libri di scuola a leggere “cavalline  stornano  nei verdi melograni annaspanti in quel fritto e rifritto ramo del lago di Como”.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Eroi di carta o nuvole parlanti

  1. ambra ha detto:

    e…..Pecos Bill ??

  2. desian ha detto:

    GRANDIOSA VERITA’ LA TUA AFFERMAZIONE: LA TECNOLOGIA HA STRAVOLTO IL MODO DI USARE IL TEMPO.
    Penso che ci rifletterò su per un paio di settimane. Grazie per lo spunto. Vedi, è talmente invasiva la tecnologia che uno nemmeno se ne accorge, di esserle schiavo, nei tempi di vita… E crede di governare il proprio tempo.

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Pecos Bill era troppo milanese per i miei gusti, sapeva far tutto lui e gli altri erano solo un mare di bischeri.

    @ Desian,
    i tuoi bimbi giocano a pallone davanti casa o stanno davanti al pc e altri trabiccoli del genere?
    Una volta risposto a questa banale domanda, hai compreso quanto sia invasiva la nuova tecnologia.

  4. Filippo Cintolesi ha detto:

    Quella che ci sembra una recente invasione della tecnologia e’ in realta’ un movimento di remotissima origine. Da sempre, da quando l’umano e’ tale, la tecnologia ci cambia il modo di usare il nostro tempo. Questo anzi e’ proprio il motivo per cui la tecnologia esiste. Fra venti o trent’anni gli attuali adolescenti faranno discorsi simili ai nostri e rimpiangeranno le playstation o il computer a fronte di chissa’ quali diavolerie avranno davanti quelli che oggi sono neonati o devono ancora nascere.
    Gli stessi fumetti sembravano il parto del diabbolo a quelli che come massimo slancio di nuvola parlante avevano avuto le didascalie in rima di Bibi’ e Bibo’. E quelle didascalie saranno sembrate chissa’ quale imbarbarimento della fanciullezza a chi aveva avuto a che fare con chissa’ che altro trastullo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...