Biscotti sbagliati

Qualche anno fa.

Il pomeriggio tranquillo di una famigliola con  babbo/patre, mamma distratta, due figlie, una più grandicella e vorace, una piccola ed osservatrice.

Le tre donne stanche tornano alla macchina in attesa del patre/marito, si piazzano dentro, si sbracano, trovano sul piano  dietro un pacco assortito di biscotti (forse Ore Liete) ed iniziano a sgranocchiare.

Parlano e mangiano, mangiano e parlano le due  più grandi,mentre la piccola mangia ed osserva e imbarazzata vorrebbe provare a dire il proprio pensiero, ma si trattiene per non essere zittita.

Riesce ad infilarsi in un raro momento di silenzio fra le due donne più grandi e con un filino di voce pone il dubbio che quella  non sia la loro macchina.

La mamma e la sorella grande illuminano la discussione dicendo che in macchina non avevano pacchi di biscotti.

Diligentemente, finiscono di mangiarli, ricompongono i resti della scatola, escono e vanno in cerca della loro vettura.

Questa voce è stata pubblicata in persone. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Biscotti sbagliati

  1. Cristiano ha detto:

    Mi è successa una cosa simile diversi anni fa nel parcheggio della coop. Esco col carrello, vedo la mia macchina una 131 grigio metallizzata, apro il baule, carico la spesa, imprecando contro quel coglione che mi era andato a sbattere contro il paraurti posteriore,mentre facevo la spesa, prima non c’era quella fitta. Guardo meglio la targa e…mi accorgo che avevo sbagliato macchina.Porc… Ricarico velocemente la spesa nel carrello, sperando che nel frattempo non arrivi il legittimo propietario e dover dare delle spiegazioni imbarazzanti.Fischiettando mi allontano velocemente.

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Bellissima anche questa Cristiano e irripetibile per giunta dato che i 131 sono spariti e le chiusure sono centralizzate.
    A proposito di coop mi viene in mente il mio professore di matematica e la moglie che insegnava chimica sempre all’agraria di Siena.
    Andarono a fare la spesa al supermercato della stazione e si accorsero del bimbo lasciato alla coop quando arrivarono a casa.
    “Ammazza ohhh ci semo scordati ir bimbo alla coppe” disse lui.

  3. ambra ha detto:

    io sono proprio salita in una macchina, lasciata aperta, identica alla mia, mentre mi disperavo non riuscivo a metterla in moto è arrivato il proprietario…due battute…un sorriso che è durato 15 anni !!!

  4. Stefania ha detto:

    La foto al centro mi ricorda biscotti stretti sullo stretto!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...