Borgo Scopeto Chianti Classico 2008

Un nome sempre in crescendo grazie a viti che iniziano ad avere età e mostrano bei polmoni rosso rubino nel bicchiere unite alle capacità di chi questo Sangiovese lo maneggia e poi lo ammosta.

Qui ci sono ettari, c’è testa e ci sono macchinari moderni nella vigna a significare che non ci si deve spezzare la gobba con l’aratro tirato dal bove, gli oroscopi e le serenate ai ciantellini dell’uva per farla maturare in letizia.

C’è una gran bella cantina a misura d’uomo in cui nelle botti  ha riposato questo Chianti Classico a 12,5 di gradazione, colore suo e giusto, floreale, tenue acidità totale e piacevole da bersi con quello che vi pare e piace.

Borgo Scopeto

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in degustazioni. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Borgo Scopeto Chianti Classico 2008

  1. Michele Braganti ha detto:

    …serenate e ciantellini…..fa schiantare dalle risate!!!!!!

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Michele, lo sai meglio di me che di certi agricoltori cantanti col liuto ve ne son parecchi 🙂

  3. Michele Braganti ha detto:

    magari scalzi e con la tunica……..”la terra e’ viva…..viva la terra”….ma sta’ bono……fai i’vino bono…e..fallo bene… ,.rispettoso si,…delle tradizioni,ma un’la fa’ troppo lunga……..che se e’ bono lo vendi lo stesso…..anche senza le serenate…ahahaahhaa..!!!!

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Allora te ne racconto una Micheledi come si fa a fare il vino bono e venderlo.
    Parole testuali: “un conta una sega il vino sia bono, te fallo, basta sia nero, poi si piglia i meglio giornalisti, si fanno stà bene, gli si offre i soggiorno, le cene e i pranzi e poi vedrai come ce ne parlano bene e si vende i vino che importa poco sia bono”.
    Come in tutte le cose, tornando serio, vige il buon senso, ascoltare sempre chi c’era prima ed ha i capelli bianchi, poi rispettare gente, piante e terra, si è a buon punto per fare il vino bono in questo modo.
    Però è bene ci siano i santoni che spiegano come potare le viti a cordone facendole campare all’infinito e i naturisti senza metabisolfito (acido ascorbico?) che celebrano messa, così ci si diverte anche.

  5. Filippo Cintolesi ha detto:

    Ma vo’ mette’ una bella potatura a vite mossa, cosi’ tanto per tenere sotto controllo il vigore? Luca Martini m’ha dato un’idea. Quasi quasi riesco anche a trovare degli adepti e a organizzarci un seminario. Se avessi gli accosti giusti forse riuscirei persino a farmi sponsorizzare dall’ARSIA…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...