Aprile 2010

Un mese di “altre solite cose”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2010. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Aprile 2010

  1. Ci ha detto:

    Alcune foto parlano chiaro, sei stato in Calabria?

  2. Stefania ha detto:

    Io comincerei a pensarci seriamente di partecipare a un concorso fotografico! Sempre più bravo!

  3. ambra ha detto:

    un cenno ai vini di Criserà è dovuto:

    Splendido il Nerone di Calabria, emerge prepotente il 2002..2004
    ottimo il 2005….

    senza null’ altro togliere al Costa Viola bianco, allo Stretto, il favoloso passito dal profumo e gusto intenso e avvolgente..

    Ambra

  4. vita ha detto:

    il tramonto con barca ! è l’isola d’elba o argentario……….

  5. Angelica ha detto:

    Foto Parecchie lacrime

    penso ad una violenza.La Santa Inquisizione che di santo non aveva nulla,I legacci della sedia elettrica americana.La spina sulla fronte del Cristo.Il bavaglio alla verità.

  6. Angelica ha detto:

    Foto Oliveta di Vertine

    l’apparente ordine di questi ulivi si contrappone all’evidente disordine della mia terra. Vivo nel disordine e cerco l’ordine

  7. Angelica ha detto:

    Il tulipano è un fiore molto simile alla vita. Prepotente,fragile, chiassoso, discreto.Ha bisogno di una spalla su cui poggiare il suo respiro.

  8. Angelica ha detto:

    Foto Olivi a Reggio

    Grazie.

  9. Angelica ha detto:

    Foto damigiana

    ma dove va girando? ha un compagno al suo fianco!

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ohhh Angelica, le ore passate fra quegli ulivi meritano qualcosa di più che passare per ordine apparente.
    Sono in forma perfetta e ora mi delizio nei particolari di muri sommersi di macchia che rivedono la luce dopo anni passati nell’ombra.
    Salutami caramente la tua terra.

  11. angelica ha detto:

    Dunque sei l’archeologo della natura! Amico mio, ricorda che l’ordine è solo apparente in quanto non appartiene agli uomini perchè la perfezione è degli dei che sono invidiosi degli uomini per via della loro creatività cioè del disordine da cui nasce l’imprevedibilità e quindi l’arte. Tu sei imprevedibile perchè non sei banale e quindi sei un’artista.
    Un’artista della natura.Ti mando un po’ di scirocco carico dei profumi e dei colori dell’Africa.

  12. Andrea Pagliantini ha detto:

    Macchè archeologo della natura, sono solo un bischero, anzi il bischero di Vertine e cerco di difendere più che posso da invasioni stronzesche questi piccoli spazi di libertà che sono rimasti.
    Lo scirocco appiccicoso che arriva dal mare è sempre gradito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...