Se Cristo non si fermava ad Eboli

Se Carlo Levi avesse potuto far scendere Cristo di trenta chilometri a sud di Eboli, si sarebbe imbattuto nel Cilento, terra bellissima di vegetazioni e sapori un pò in disparte, ma proprio per questo ampia di fascino e bellezza di mare.

A Casalvelino dentro appunto il Parco del Cilento vive ed opera Dario un amico lettore del blog che ha recuperato dall’abbandono un oliveto magnifico e delle vigne sparse in giro allo scopo certo di fare vino ed olio, ma soprattutto dimostrare che dalla terra e da luoghi infinitamente belli non ci si può e non ci si deve staccare.

Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2010, luoghi. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Se Cristo non si fermava ad Eboli

  1. Liz ha detto:

    A giudicare dalle immagini del sito (e anche da queste) è un posto che toglie il fiato. Non per nulla è stato considerato patrimonio mondiale dell’umanità. Penso che questo parco sia una gran speranza di sviluppo per la zona.
    Sono d’accordo con te Andrea, è un privilegio vivere in una zona protetta e allontanarsene è quasi un sacrilegio.

  2. filippo cintolesi ha detto:

    E’ vero, ma siamo fatti per staccarci da quanto di piu’ caro abbiamo. E’ nella nostra natura la separazione dalla nostra Itaca, e poi magari il ritorno. Solo per scoprire che nessun “ritorno” e’ possibile.

  3. Liz ha detto:

    Sono d’accordo in parte. Molte volte non possiamo fare nulla e la separazione è inevitabile. Altre volte siamo noi a decidere.
    Invece il ritorno si può interpretare da diversi punti di vista. L’eroe ritorna per festeggiare la sua vittoria.
    E anche può essere segno di sconfitta; dopo aver scelto una strada sbagliata non resta che il ritorno.

  4. filippo cintolesi ha detto:

    Circa la compresenza di decisione nostra e “destino”: difficile spesso distinguere. A volte si fa di necessita’ virtu’. A volte il nostro destino ce lo creiamo noi. In realta’ mi piace sottolineare proprio questa “confusione” che la nostra “natura” crea: fra quel che non possiamo non fare e quel che ci pare di voler fare.
    Sul ritorno intendevo dire che un “ritorno” non si da’ perche’ ammesso e non concesso che si possa tornare allo stesso luogo (o situazione), a tornare non e’ mai la stessa persona che era partita. D’accordo: il cambiamento e’ inevitabile anche se si “resta”. Ma e’ quando si pensa (si spera, dopo averlo a lungo sognato) di tornare, che questa inelluttabilita’ ci compisce con tutta la sua violenza. A volte una violenza non sgradita.

  5. Liz ha detto:

    Sono d’accordo, non è facile prendere posizione tra libero arbitrio e destino. Discorso lungo e complesso.

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Mi ci avete fatto dolere il capo con questi commenti.
    Io vivo in un posto minuscolo in cui mi hanno fatto passare dei tristi momenti e per ora resisto cercando di difenderlo più che posso solo per affetto per non farlo diventare disneiland, cosa che farebbero sicuramente a prescindere da me sia chiaro.
    Non è detto mi rompa e scappi via, tutto può succedere…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...