Il pane colore del mare

La sostanza e la bellezza camminano insieme, tradotto in linguaggio corrente, nutrimento per succhi gastrici ed occhi.

Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2010. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il pane colore del mare

  1. Ci ha detto:

    Stessa spiaggia, stesso mare 😦

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Padellata di uccelini tua sarebbe consona alla stagione.

  3. angelica ha detto:

    Coreca, Pagliantini, vuoil dire la mia gioventù e stiamo parlando di un’era del glaciale!Frequentavo il liceo e mio fratello le medie, abitavamo Cosenza e per arrivare ad Amantea bisognava percorrere una nazionale e poi una provinciale tutta curve.Di Coreca conservo le foto in bianco e nero di noi due abbarbicati ad uno scoglio. e poi come sempre foto di mare, di alberi, di tramonti , di marsupiati, di vita vicina e lontana che ovunque scorre con i ritmi di sempre mentre noi cerchiamo di carpirne il segreto per sconvolgerlo. Angelica

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non andrei cosi lontano nel tempo scomodando le ere glaciali per definire l’anzianità, c’eri in quei luoghi in epoca molto più moderna, quando Beppe Garibaldi fu ferito a Gambarie e di li a breve riprese la salita lungo la Calabria, te già frequentavi le spiaggie facendo foto in bianco e nero..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...