Cipressi martiri da verniciare

Pare il cipresso sia pianta protetta e non la si possa tagliare a piacimento e meno che meno farla seccare per supponenza e superbia, specie se le piante sono 12 e hanno più di 40 anni abbracciate al paesaggio le contiene.

Le piante in questione, (ci ero già tornato) sono state date come foraggio a cuccioli di vacca voraci e non sono  un vanto biodinamico a vedersi e forse un grosso problema a tagliarsi.

Le gomitate e la prepotenza dei soldi  non possono comprare la fantasia per risolvere un problema visivo di desolanti piante alte e schiette torturate vive.

Urge comprare parecchia vernice verde biodinamica e dare un paio di mani ricordandosi di coprire il tutto con  trasparente per proteggerli dalle intemperie.

Il cipresso secco patisce molto il freddo ed essere alla mercè di una sequenza di bischerotti.

Questa voce è stata pubblicata in Porcate. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Cipressi martiri da verniciare

  1. Liz ha detto:

    Poveri!veramente così senza colore sono brutti… io mi offro per dare una mano di vernice, e li lascio come nuovi.

  2. Gielle ha detto:

    Come idea non è malvagia quella di dargli una verniciata, speriamo capiscano che basta qualche barattolo di vernice invece di comprare una fabbrica.
    La porta dei cipressi seccati.

  3. Paola ha detto:

    Si, ma perchè dipingerli di verde quei cipressi, a questo punto uno si potrebbe sbizzarrire con la fantasia e fare delle opere pop alla Andy Warol!!!

  4. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Ripiantateli vivi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...