Verticale Riserva Monteraponi

Il tempo il protagonista assoluto di una verticale dei vini di Monteraponi organizzata dall’Enoclub presso il ristorante Compagnia dei Vinattieri di Siena (segnatevi il nome).

La necessità di tempo il messaggio nascosto percepito dal tufare il naso e appoggiare le labbra nel meraviglioso Sangiovese di Radda.

Equilibrio di acidità, profumi e bevilità assoluta nelle annate 2004 e 2005 e il 2006 che  sta arrivando, che lasciano di stucco di fronte ad un 2007 imponente , che necessita di tempo e riposo per diventare strepitoso.

Il 2008 campione di botte è come una moglie/marito rompicoglioni ed invasiva/o che si deve domare negli anni però diverrà all’altezza degli altri.

Già, il tempo.
Inscindibile matrimonio d’amore con il Sangiovese per smussarne gli spigoli e aprirne i profumi.

Il logorio della vita moderna non ha  la saggezza di saper aspettare i giusti tempi.

Così fosse, non si sarebbe visto nessun esemplare di merlot piantato fra i Sassi del Chianti per  fare delle formula 1 da vendere di corsa al primo gringo che passa.

Tempo, Sangiovese e giusta posizione.
Monteraponi la felice conseguenza.

Questa voce è stata pubblicata in degustazioni. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Verticale Riserva Monteraponi

  1. Mammamsterdam ha detto:

    Guarda, apprezzo e ocndivido solo perché oggi mi sono fatta una degustazione di Chianti Classico e ce n’erano di ottimi, anche se io mi sono concentrata poi sui vinsanto, che ce n’era un gran bisogno.

    Beato te, ecco.

  2. gian paolo ha detto:

    Ti invidio !Mi piace molto il commento del 2008 te lo posso copiare?ciao GP

  3. Pingback: Verticale Riserva Monteraponi | Articoli Auto | Pronostici e Scommesse

  4. davidebonucci ha detto:

    Bevuto, goduto, riso, chiacchierrato, vissuto. Il 2006 è il mio preferito ma il 2007 è quasi bello che pronto. Stamani assaggiati i 2007 di Paolo, sono una cosa che non ci si crede.
    Adesso tocca alla verticale delle Riserve di Val delle Vorti, i vini di Roberto sono mistici e necessiterebbero di un happening h 24, a proposito di tempi lunghi…
    Appena possibile, una bella orizzontale raddese di 2007… altro che Borgogna! 😉

  5. gian paolo ha detto:

    A proposito di verticale e orizzontale quando volete un’obliqua 🙂 chiamatemi ciao GP

  6. ambra ha detto:

    @ Michele
    complimenti….da quanto leggo è stata un ottima degustazione…
    da parte mia una lunga rosicata…lunga quanto un’ attesa….;-)
    Anna

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Barbarissima, un caro saluto.
    Mica è facile dire quale sia la migliore fra le annate degustate.
    Invidio chi può dire in vino come questo quale sente essere il migliore, perchè chi lo fa con le viscere e sul pezzo conosce i dettagli e le difficoltà dell’annata e finisce per volere bene a tutti, specie quelli degli anni più rognosi, perchè è li che si misurano le cose.
    Il 2007 lascerà il solco negli annali, il 2006 sta venendo fuori fresco e floreale, il 2004 si beve e ribeve.
    Il 2005 invece è quello delle bestemmie e delle corse.
    Gelata delle gemme a fine aprile, umidità, grandine, pioggia, oidio a palate.
    Dopo queste considerazioni assaggiando il 2005, il vino più tormentato è quello affettivamente più pregiato oltre ad essere buono per davvero.
    Con quella frutta candita c’è dentro pare di entrare alla Sapori quando fanno il panforte.
    @ Davide
    l’assaggio dei 2007 dei 4, se non 5 Moschettieri di Radda non me lo perdo davvero.
    E rimango sempre più convinto che il vino è lo specchio di chi lo fa.
    Fior di teste di minchia possono spendere milioni di euro per avere il meglio del meglio in tutto, ma se non hanno un tocco di romanticismo e di sana follia fantasiosa, fanno solo dei brodi di gallina e spezie piatti e inutili.

    @ Gian Paolo
    Qualcosa a breve si inventa e non te lo aspetti nemmeno….

  8. Stefania ha detto:

    Penso proprio che avete bevuto e mangiato bene! 🙂
    Il ristorante è stato una delle mie prime recensioni sul blog…
    http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/05/12/rstorante-la-compagnia-dei-vinattieri-siena/

    @ Giampaolo, ma una verticle di lambrusco quando si fa? 🙂

  9. gian paolo ha detto:

    @ Stefania
    Per me possiamo farla quando volete ,però al massimo sarà obliqua te lo dico subito 🙂 🙂 buon giorno a tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...