Selvaticamente neve mentre nasce Penelope

A destra il sole pallido  fioco che pare lo specchio acceso di mare delle navi attraversano lo Stretto di fronte ai venti giorni di nuvole appena trascorsi.

A sinistra un pallore candido fluttua per aria schizzato dal vento che avanza sopra il telo verde steso sotto gli  ulivi.

Neve spruzzata come salatura di pasta che rende le cose da fare in salita di difficoltà aggiuntive.

La campagna non è un pranzo di gala e neanche poesia, ma un amore perverso da vivere senza timori e senza mai perdere la tenerezza.

E mentre nevicava di fiocchi è nata Penelope, figlia di mamma Gianna Nannini che non poteva nascere sotto i malefici di un giorno di pioggia ma doveva aprire gli occhi sul mondo mentre inscenava uno dei suoi migliori effetti spettacolari.

Auguri.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Fotografie 2010, persone. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...