Funerali

Ti vedi sfilare per anagrafe del tempo conoscenze ed arguzie di persone che tante cose ancora avrebbero da dire con la loro semplice bonarietà, il sorriso sornione e la battuta sempre pronta per sdrammatizzare ogni situazione, magari anche la più triste per covarla poi in se stessi e non perderne i contorni delle sfumature.

Un patrimonio ampio di cultura umana vissuta che viene da lontano e non parente dei tempi sciatti ed egoisti abbonati alle cose inutili.

Era così anche il babbo di un amico.

Un abbraccio ancora.

Questa voce è stata pubblicata in persone. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Funerali

  1. angelica ha detto:

    Un mare di struggente malinconia in ” era così anche il babbo di un amico”! Sentimenti che meritano un posto di nicchia. Ricordi da lasciare in eredità a chi amiamo.Angelica

  2. Simone ha detto:

    Grazie Andrea della Tua presenza, delle Tue sempre belle parole, delle immagini che anche in questo caso hai avuto il potere di evocare. Mio padre mi chiedeva spesso di Te, perchè sapeva che siamo amici, perchè sapeva che sei legato ad un mondo a cui anche Lui era molto legato, perchè nel suo continuo girovagare per i poggi del Chianti ( cosa che ho ereditato con piacere..) era stato anche Vertinese per molti anni.
    L’anagrafe del tempo come la chiami Tu, ci porta via molte delle persone a noi care, ma fortunatamente non riesce, e non potrà mai, portarci via ciò che queste persone lasciano dentro di noi: ciò che mi mancherà sarà il suo contatto, la sua voce, la sua ironia. Ciò che di più bello mi ha lasciato è la voglia di vivere.
    Grazie amico mio.

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non me ne dimenticherò mai di tutte queste persone semplice, gioviali e sagge hanno accompagnato la mia vita.
    Li vedevo e ascoltavo affascinato prima con gli occhi di un bambino.
    Maturando, pensando e vedendo ho capito erano loro ad avere ragione pur essendo il mondo cambiato tanto da allora, pur essendo venuto meno il collante terra con quel mondo e la gente ci nasceva.
    Siamo rimasti tre gatti rosi dall’egoismo e dall’invidia.
    Come sai bene, le viti vecchie la sanno lunga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...