Tulipani e panzè

Nel Chianti i sassi sono l’unica cosa abbonda e diventano materia prima per delimitare un’ aiola di terriccio di foglie di leccio dove infilare panzè e bulbi  di tulipani che d’ aprile saranno  un’esplosione intensa in più a quanto già la natura  provvede a donare.

Tutte le operazioni sono svolte sotto lo sguardo vigile del dottor Gighen, gattone socialista.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tulipani e panzè

  1. Ci ha detto:

    In questa mattina grigia e piovosa ci voleva proprio questa botta di colore.
    Quel gatto è un fenomeno.

  2. Lucy ha detto:

    Sai dare luce persino all’inverno con pochi tocchi di colore e quel gattone è magnifico anche se socialista craxiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...