Museo Contrada della Torre

Si rende omaggio ad un magnifico mosaico di vetro entrando nel museo della Contrada della Torre.

Le spiegazioni delle opere in mostra, la bellezza dei locali, la cura dei particolari consente un uso eccessivo di aggettivi che stucca il palato dei lettori, per cui è meglio affidarsi alle foto sopra riprodotte.
Uno spazio temporale largo dal 1961 fino al 2005 per rivedere con commozione le bandiere cremisi garrire al vento la vittoria nella Piazza del Campo.
Da Giorgio Terni detto Vittorino al pilota moderno Luigi Bruschelli detto Trecciolino.

Via Salicotto deserta, il buio a lato, pioviggine, la Sinagoga chiusa, il Vicolo della Fortuna, un silenzio irreale dai giorni del Palio, un vertinese bischero, il Palio vinto nel 1839 dal Gobbo Saragiolo assente giustificato per restauro, il 2011 da correre nella Piazza del Campo.

Qui informazioni sulle vittorie della Contrada.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Fotografie 2011, Palio. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Museo Contrada della Torre

  1. vita ha detto:

    bravo ora mi piaci! un fai torto a nessuno.
    La vetrata è un’opera delle VETRATE ARTISTICHE TOSCANE e che io ho fatto nel in due volte a distanza di 10 anni, la prima parte, quella centrale nel 1988 e poi la cornice nel 1998.
    E poi c’è il “giallone” il nostro ultimo palio, che ho avuto l’emozione di tenere allo studio per restaurarlo! effettivamente era stato amorevolmente ciancicato…….

  2. an ha detto:

    Il biancazzurro mare ha il suo fascino, ma anche la Torre non è da meno.

  3. Dario ha detto:

    Grazie Andrea, mi manca il mio museo.
    E brava Vita, con te il giallone è in buone mani.

  4. vita ha detto:

    Ciao Dario e grazie……….ci vediamo presto

  5. Rossano ha detto:

    Grazie Andrea per queste bellissime foto e queste bellissime righe! Ringrazo anche Vita per la descrizione integrale sulla storia della vetrata… e quella sul “giallone” che sapevo avevi avuto nelle tue ottime mani!!! Ci vediamo presto!

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Solo un matto verinese può essere a mezzo fra Torre e Onda ed essere felice se vince una delle due.
    Rossano, Dario, non sto a dirvi niente, sapete benissimo dove ci vedremo la domenica delle palme…… e Vita non sa solo dipingere e restaurare, mette la stessa passione e cura dei colori anche in cucina..

  7. Rossano ha detto:

    E’ confermato l’appuntamento? Allora mi devo organizzare! Caro Andrea sono assolutamente certo che Vita sia un’ottima cuoca… come sono certo del certo che tu sia “un matto verinese”!!! Però un matto di quelli boni!

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    E’ confermatissimo, non ho bisogno nè di spiegare dove nè il come, basta te lo segni e vieni la domenica delle palme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...