Gheddafi in esilio a casa di Testa Pelata

Ogni tanto bisogna contentare il pubblico dedicandosi a quella carognetta pelata.
Ultime notizie riguardo la soluzione della questione libica possono sortire dall’uscita di scena con allegato esilio per il colonnello che sta trattando con mezzo mondo in quale luogo  andare a  coricarsi la notte.
Nessuno lo vuole e le cose vanno per le lunghe a meno che, per porre fine alla crisi libica, non si ricorra ad una legge di natura che comporta il male minore e permette la risoluzione del problema.
Ovvero radunare i billocchi in un sol luogo, quindi esilio e sosta a casa del taranzone Testa Pelata a patto non si permetta di tenere la contabilità all’illustre ospite che potrebbe vedersi ridotto sul lastrico dal  contabile disonesto pelato in meno di un mese.
Bischerooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storie di Testa Pelata. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Gheddafi in esilio a casa di Testa Pelata

  1. incazzata ha detto:

    Ma cosa ci fa il Testa Pelata spesso, spesso nel Valdarno?
    Cerca nuovi polli da spennare o annaspa altre piste?

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non lo sò cosa ci faccia nel Valdarno però va castrato prima possa fare danni anche li nei confronti di candidi ingenui onesti.
    E’ un farabutto della peggior specie e va sterilizzato.

  3. anna maria ha detto:

    Forse in Valdarno non hanno ancora saputo dei suoi trascorsi!!
    Penso sia quasi impossibile eliminarlo come sembra impossibile eliminare il “Grande Sceriffo sotto la tenda”
    Anna Maria

  4. ric ha detto:

    essendo un noto appassionato di armi, sarà andato a fare rifornimento….

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    Eliminare nel senso impedire che con il proprio mestiere fatto con disonestà, di fare male al prossimo e sterilizzarlo nelle intenzioni banditesche perchè tanto non cambia e una volta messo in mezzo a soldi raggiri, riparte come prima.
    Vista la situazione non mi stupirei fosse dentro anche alla truffa uscita in questi giorni del mobilificio Aiazzone, provare per credere.
    Non è esclusa neanche l’ipotesi del rifornimento di armi, peccato solo che una persona normale avendo un decimo dell’arsenale aveva il pelato, a quest’ora sarebbe recluso nella fortezza di Gaeta da anni… ma meglio così, avendolo ancora in giro ci si diverte di più….

  6. angelica ha detto:

    L’idea di lasciare un farabutto in mano ad un farabutto mi piace ed anche se è in barba ad ogni senso civico trovo che sarebbe opportuno che i farabutti si facessero fuori tra loro usando proprio le armi che hanno usato per far del male !Angelica

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Sono della stessa idea anche io: lasciare i farabutti in uno spazio ristretto con solo loro in modo che possano autoeliminarsi a vicenda per rendere più sana e pura l’aria da respirare.

  8. incazzata ha detto:

    essere spregevole e disonesto che dovrebbe essere in galera da un bel pezzo se non si fosse in Italia e ha da tremare solo chi è onesto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...