Sorsi di ode al vino

Amo sulla tavola,
quando si conversa,
la luce di una bottiglia
di intelligente vino.

Pablo Neruda.

Queste parole, la cucina dell’Osteria di Borgomarturi, la parata di vini di rara luce sobria  scolpita dal Maestro… che altro dire…. non si cavano parole quando non servono.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, degustazioni, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Sorsi di ode al vino

  1. francesco ha detto:

    vedo un viacosta ed un montevertine che…uhmmmmmmmmm

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Francesco, non sono state stappate tutte per limiti fisici e per rispetto alle bottiglie che non potevano in nessun caso essere assaggiate e lasciate aperte imbevute.
    Pagliarese 1972, Soldera Riserva 1979, Lilliano 1998, Bibbiano 1997 gli assaggi e nessuna di loro ha tradito le aspettative.

  3. Isabel ha detto:

    Che bel menuino…

    bonne journée
    Isabel

  4. davidebonucci ha detto:

    Momenti sublimi 🙂
    Lilliano era 97, giusto per la pignoleria 😉

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    Del menù se ne occuperà la gastronica, io mi limito a dire era parecchio buono.
    E bel fatta la precisazione di Lilliano Davide, non per pignoleria ma per rendere giustezza.

  6. Pingback: La Finestra di Stefania » Osteria di “Borgo Marturi” a Poggibonsi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...