Rogna dell’ulivo

La rogna non è avere ulivi ma gente li abbandona e trova olio di larga provenienza che provvede a vendere come proprio e locale.

La rogna  è causa di un batterio che si insinua nelle ferite causate  da eventi come la grandine o  durante raccolta e potatura quando la pianta è bagnata e subisce screpolature.
Le parti interessate hanno dei rigonfiamenti che  ingrossano  e aprono il ramo colpito, non ne risente la qualità dell’olio ma ne dipende la sopravvivenza della pianta e un buon sistema per combatterla è amputare le parti colpite avendo cura di disinfettare forbici e seghetto prima di passare a una pianta sana.
L’infezione, essendo di origine batterica povrebbe essere curata con antibiotici, ma il loro uso non è previsto per agricoltura. L’amputazione dei rami colpiti rimane la miglior cura insieme all’uso di poltiglia bordolese per disinfettare.
Le foto illustrano il tronco di sei piante colpite dalla grandine: poltiglia bordolese soda data a pennello nelle parti malate senza vergognarsi di far diventare i tronchi celesti.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Rogna dell’ulivo

  1. Gian Marco ha detto:

    I tronchi celesti avvisano che qualcuno si sta prendendo cura degli alberi. Per questo quando vedo tronchi celesti sono sereno.
    Nessuna vergogna, anzi….

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Almeno sono alla luce del sole e non sono abbandonati a se stessi producendo ulive reali anche adesso, in un nomento non facile, ma non mancherà mai rispetto per loro e per il luogo in cui si trovano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...