Finocchiona di Follonica

Non è un travestito brasiliano che ogni notte percorre i viali della nota località balnerare del Tirreno toscano in cerca di rincalzatori e svanisce al primo sole, bensì un sontuoso insaccato trovato dove la frittura gonfia l’aria come salsedine affiancato da una forma di pecorino fatto dall’Antonietta, prelibatezze dell’orto e salassi di Sangiovese si fanno rosato.

Come sfondo il set dei film di Ozpetek da riconsegnare a Cinecittà smontato nell’interezza di ogni singola vite che mai rivedranno, con la scarsa ma plausibile scusa di candele profumate hanno appiccato fuoco a tendaggi color melanzana che hanno strutto e annerito tutto lasciando plastica bucata e sentori incensali da messa della domenica.

Il fresco vento lieve  di maggio oltrepassava cheto un tetto di glicine e caprifoglio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, cose buone dal mondo, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Finocchiona di Follonica

  1. ag ha detto:

    “Il fresco vento lieve di maggio oltrepassava cheto un tetto di glicine e caprifoglio.”
    Ma qui siamo sulla via della musa Talia!!!!!!
    un abbraccio a presto

  2. Dario ha detto:

    ona ona ona ma che bona la finocchiona, parafrasando l’Acqua cheta di Novelli.
    Ier sera noi ci si accontentò di maccheroni con la pumarola di anno. Venne bene.

  3. mauri ha detto:

    l’ultima frase la vedrei bene per un mio disegno!!!
    dai un occhiata a questo link http://www.infermento.it/?p=5606..fra una settimana sono al GUT,gioco in casa….prima del trasferimento al mare……ciao

  4. vita ha detto:

    tutto questo sfavillio di colori mi riempiono gli occhi e l’anima

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    ag,vengono da sole al momento queste frasone semi bischere però gli ingredienti dell’ultima frase sono veri.
    E la pumarola di sera è notevole Dario, non cedere, non smettere, non ti arrendere…
    E la prossima volta si organizza una cenetta del genere va detto anche a Vita che sennò se ne ha a male a vederla solo nelle foto….

  6. vita ha detto:

    BRAVO!!!MI SO’ STUFATA DI VEDERE QUESTE CENE LUCULLIANE SOLO IN FOTO……VOGLIO PARTECIPARE

  7. Capric ha detto:

    La finocchiona in questione è in realtà fatta col polpo e va servita tiepida

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    Vita, non sarebbe una cattiva idea coinvolgerti in questi pranzetti, la tua fantasia e manualità potrebbero produrre dei piatti davvero unici per sapori cromatici e per semplcità.
    Alla prossima bisogna dirtelo, vedessi in che belezza di posto vengono fatti questi ritrovi…
    E te Capric he fai, ti metti a dare notizie bislacche come fossi il tg4?
    La finocchiona in questione è fatta di carne di gnu, dalla per bene la notizia.

  9. Andrea Pagliantini ha detto:

    Rossano, dimenticavo, Monteraponi è un gran bel vino, ma se ti capita assaggia il 2006 che ora è al punto giusto di beva, gli altri sono ancora giovanini per essere apprezzati al punto giusto.

  10. vita ha detto:

    ora un fà troppo l’intenditore èèèèèèèè……..

  11. Andrea Pagliantini ha detto:

    Vita, se intendi di cucina ne capisco poco, di vino peggio che mai, di arte marco visita…. di poesie al signore sono un campione con e senza nèèèèèèèè…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...