Melissa e camomilla

Dopo trent’anni di abbandono e di vegetazione fitta rispuntano le piante una volta nei vecchi orti ora nuovi profumi riscoperti alla luce del sole.
Il fresco limonato della melissa buono per tisane rilassanti e aromatico in cucina e i fiori carnosi della camomilla che niente hanno in comune con le bustine da inzuppare nell’acqua bollita comunemente in commercio e dai sentori sbiaditi.

Poche cose, ma almeno odorano di buono e di pulito.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, cose buone dal mondo, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Melissa e camomilla

  1. mauri ha detto:

    hai ragione…quando trovo sulle nostre colline campetti pieni di camomilla mi siedo e mi ubriaco del suo dolce profumo..per la melissa mi basta scendere nel giardinforesta e stropicciare senza pietà le foglie nelle mani….

  2. anna maria ha detto:

    Certo che sei proprio unico nel riscoprire i vecchi profumi e colori

    Anna Maria

  3. an ha detto:

    Questi odori di buono e pulito in un contesto come quello in cui stiamo vivendo sono una bella cosa importante…. ma non è chiaro se le piantine sono state piantate di nuovo o sono rinate dopo una pulizia del luogo.

  4. Silvana Biasutti ha detto:

    Si è appena svolto il Gran Palio di Milano. Ha vinto la contrada degli Speranzosi. Sabato – alla vigilia del Palio – le insegne arancione della suddetta contrada sventolavano a molte finestre.
    La contrada dei Delusi – molto smonata – non ha esposto gnanca una bandiera.
    Gli Speranzosi – in vaga imitazione senese – ostentavano una sciarpa-fazzoletto – chi al collo chi fuoriuscente dalla tasca.
    Il tempo ha retto.
    Speriamo che il cavallo vincente non emetta nitriti obamiani.

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    La melissa e la camomila rinascono da sotto uno strato di abbandono sono una di quelle cose così inutili, così prive di significato, così nulle che mi regalano una grande gioia e gaiezza.
    A Siena una trombata come quella di Silvio di oggi cara Silvana si chiama Purga e godo come un maiale non per chi ha vinto ma per lui che ha perso.

  6. sandra ferretti ha detto:

    si grazie mille

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...