Ferragostare

Oggi non vola nemmeno una Mosca Olearia.

Buongiorno nèèèèèèèèèèèèèèèè!!!

Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2011, Tema libero. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Ferragostare

  1. antonella ha detto:

    Un’impronta di saluto ad un mondo che vive….oltre. Un abbraccio

  2. Mammamsterdam ha detto:

    Buon ferragosto pure a te.

  3. ambra ha detto:

    la mancanza della mosca olearia è quella che rende gradevole il ferragosto……

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ferragosto quasi andato se non per un paio di ore ancora in coda.
    Giornate non afose molto piacevoli e vivibili.

    Si Antonella, un mondo che vive e a volte sorride, a volte è determinato come il granito, a volte brioso e giocherellone, a volte malinconico e l’abbraccio è fortemente ricambiato.

  5. antonella ha detto:

    Certo che è così: è il “tuo” mondo, come potrebbe essere diversamente? 🙂

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    A volte è difficile convivere per come si è e rappportarsi al’esterno e al mondo come gira.
    Ciò non comporta e vuol dire essere migliori e più bravi, solo diversi, avvezzi a colpi di gioia e fregature, ma se stessi sempre e in ogni momento, inculate o benefici se ne ricevano o abbiano.
    Essere così comporta anche l’averti incrociata e il non essere mai banali nemmeno nelle cose più ovvie ed evidenti.
    Il mio mondo non è ampissimo in fatto di superficie ma ha una capienza immensa nelle belle persone quale (anche se lo negherai sempre in mille modi e forme) appartieni nei posti più vocatati e a solatio.
    Solatio è un termine agricolo e non sociologgico, ma rende meglio l’idea.

  7. antonella ha detto:

    Rimando esattamente per come è scritta….. (e non per pigrizia nello scrivere cose nuove, ma perchè puoi leggerla come in uno specchio che te la riflette).
    Grazie di tutto

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    Una persona un pò brizzolata e dalle erre arroventate che ben conosci potrebbe dire si sta trattando di specchi non tanto giusti di testa come quelli ingigantiscono o rimpiccioliscono i corpi al luna park, ma non è così.
    Parlare quando si ha qualcosa da dire è sempre meglio, perchè credere di pensare cosa ha in mente una persona sia pur molto cara è una forma di equilibrismo che non da certezze e può generare equivoci, però arrivare a capirsi anche stando zitti non è da tutti e per fortuna non necessita di spiegazioni.

  9. antonella ha detto:

    Vero. Il fatto è che alcune volte il silenzio è l’unica forma di essere noi stessi.
    Non ho capito però chi è il tizio delle prime righe….

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    Capisco bene il bisogno di stare un poco in disparte quando si è feriti e colpiti pesantemente sotto la cintura nelle cose che fanno e riempiono la vita di una persona.
    Si sente il bisogno di mettersi in disparte, rannicchiarsi per quasi scomparire avendo tutto addosso e la mente e il fisico non sono pronti a reagire o a capire.
    Il silenzio in se stessi in questi casi è necessario per ritrovare equilibrio e forze e vedere di puntare a risalire senza mai dimenticare di essere se stessi.
    In tutto questo però ha senso non perdere mai di vista alcuni aspetti come il bene si vuole a qualcuno e il gusto delle piccole cose quotidiane che per piccole che siano messe insieme riescono a dar sapore al cammino.
    Ma come, non ricordi? Non era la persona che ogni tanto si spostava dal suo luogo e vedeva Napo, quello giocava con le bottiglie vuote e poi diceva che “questo non può essere tanto giusto di testa???”
    Dai che ora hai capito…

  11. antonella ha detto:

    O sono rimbambita io o lo sei tu (propendo per la prima 😦 )
    Giocava con le bottiglie vuote???? Chi è mai????

  12. Andrea Pagliantini ha detto:

    Se di rincoglionimento si tratta è un movimento che ci sale equanime Antonella, ma non direi sei rimbambita, solo un pochino dimenticona, e ora scusami ma mi è presa un poca di ridarella…
    Ma davvero non ricordi quel bischero di Napo che giocava tutto il giorno con una bottiglia di plastica vuota lì vista stretto?
    O mi sbaglio io ed era una fata morgana di quelle strane, azzurre e un pochino dispettose?

  13. Andrea Pagliantini ha detto:

    Messaggio ricevuto, è la mia mente e memoria vacillano, il tempo passa per tutti, per me più che mai.

  14. antonella ha detto:

    Certo che mi ricordo di Napo!!!! Ora è malato di cuore, poverino…più volte nelle notti scorse lo piangevo già morto, ma ancora resiste. E’ che non mi ricordo chi è la persona brizzolata, non Napo! Vabbè vabbè siamo pronti per l’ospizio ho capito….Uff!

  15. Andrea Pagliantini ha detto:

    Accidenti, povero Napo, lo si dava non tanto giusto di testa e invece era il cuore a non essere giusto!!! Tienimi informato, probabilmente è solo il caldo a dargli fastidio e una volta il clima più morbido riprenderà a correre dietro le bottiglie vuote di plastica come uso fare.
    No, niente ospizio, ancora non è il momento, si tratta solo di non voler gettare sguardi negli specchi oppure della l’Oreal che compie miracoli con le tonalità, ma non è importante, conta ciò è sotto, la sostanza infinitamente migliore dell’apparenza che detto per inciso non è per niente ma per niente male nella linea bella mora matura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...