Febbre da cavallo

Animale fiero, nobile, intelligentissimo il cavallo, a volte più di chi lo conduce e lo lascia, dopo una sgambata,  sotto il sole pieno di agosto e dopo molto  lo mette onestamente all’ombra di lecci in un parco pubblico dove ci sono giostre per i bambini, che dagli scivoli finiscono direttamente nella merda non rimossa dal soggetto lo ha portato, ma come da copione, non ha pulito.

Probabile l’autore del gesto non abbia figli, solo così si spiegherebbe questo gesto di scarsa sensibilità ……. i bambini a giocare nella merda non stanno bene e non crescono sani di testa.
Grande animale il cavallo, molto meno chi non capisce quanto la qualità della vita dipenda dalla pulizia del luogo dove vive, dal suo rispetto, dalla sua cura.

Ma da teste tutto osso difficile aspettarsi ragionamenti figli di un organo che non sia il culo.

Questa voce è stata pubblicata in Fotografie 2011, italians, Porcate. Contrassegna il permalink.

20 risposte a Febbre da cavallo

  1. Daniela ha detto:

    Questo atteggiamento verso se stessi prima di tutto e verso un luogo publico frequentato da bambini è veramente indisponente e idiota.

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Sinceramente non ci arrivo mentalmente a capire cosa si voglia dimostrare agendo in questo modo verso se stessi e il mondo circostante (che non merita simili cadute di stile ed affronti) e poi meglio non ci pensare e prendere una pala e togliere il lascito di un nobile animale che non ha colpe e ragiona per istinto o necessità corporea, cosa che una persona in linea di massima teorica non dovrebbe fare.

  3. ooooooo ha detto:

    che non ci arrivi mentalmente lo anno capito tutti cqe è stato pulito tutto la mattina seguente con la pala ma poi infondo a te che tene frega cqe a tutti quelli che leggono il tuo blog digli anche quello che combini te ogni tanto vai a prendere l’acqua x i cani dentro il cimitero a vertine e il tuo cane quando x mesi cacava dappertutto scommetto che nn lo hai mai detto dammi retta fatti di piu i cazzi tuoi e guarda di piu il sudicio a casa tua coglione

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ieri mattina c’era molta roba da spalare all’interno del parco e non l’ho vista solo io, mi pareva fossimo in molti ad essere presenti e non contenti di calpiestare i lasciti dei cavalli, compresi dei bambini di passaggio che erano in mezzo a giocarci.
    Poi chi ce lo ha lasciato nessuno lo sa, basta solo avere il garbo e il buongusto di levarlo una volta fatto il proprio uso del luogo.
    Che vado a prendere l’acqua al cimitero di Vertine per i cani e che ci bagno i fiori sulla strada lo sa il mondo intero e non manco di fare piccola manutenzione intorno al cimitero e lungo la strada del paese per non prendere ma anche per dare ogni tanto qualcosa.
    Che il mio cane veniva liberato non è un mistero per nessuno, specie quando non potevo muovermi per la sensibilità di chi ha molto a cuore il decoro del luogo e del prossimo suo.
    Si parla di suolo pubblico mi pare, non di faccende miserevoli ognuno ha in casa propria.
    Se poi chi ha il cavallo vuole legarlo ad un olivo li sotto, nessuno si oppone e i suoi lasciti non sono altro che azoto fresco… nessun problema.

  5. Gielle ha detto:

    Un cavallo legato a una pianta ha poche scelte sul dove farla, ma incazzarsi per aver fatto notare di aver pulito poco e male in un giardino dove vanno i bambini sguaiatamente in quel modo basta e avanza per capire tante cose.

  6. angelica ha detto:

    Impensabile che un parco pubblico non abbia un custode. un guardiano che non presti attenzione alla pulizia del luogo ed è ancora più impensabile che nessuno abbia fatto notare al ” cavaliere” (ed è solo un eufemismo)che il suo cavallo sporcava un suolo pubblico.
    ….e se qualche buontempone rispedisse la cacca al mittente? ovviamente mi riferisco al “cavaliere”.Angelica

  7. ooooooo ha detto:

    Visto che non ci vivi nemmeno a Vertine, non vedo cosa te ne frega. I “lasciti” di cavallo comunque sono molto più puliti di tanta gente che conosco…. Ma la prossima volta li legheremo agli ulivi se vuoi che li mangino. Ignorante.

  8. Michele Braganti ha detto:

    ma il coraggio di dire come ti chiami lo hai..??

  9. lorenzo ha detto:

    Gli ulivi semmai li mangiano le capre che sono sempre molto più pulite di parecchi teppistelli che infestano la zona.

  10. Ci ha detto:

    Ma il lascito di cavallo è colpa di chi ne parla e lo fa presente o di chi prepotentemente vuole sempre ragione e non pulisce dando della testa di cazzo a chi pulisce rimuovendo lo schifo lasciato in giro da altri?

  11. Andrea Pagliantini ha detto:

    Sandro Pertini, un Presidente della Repubblica, della Nostra Repubblica, ha fatto la scuola e l’università nelle galere della dittatura fascista prima di essere uno dei Costituenti hanno redatto la Nostra bellissima Costituzione, compreso l’articolo 9 che vale come gli altri articoli dalla punta dell’Alto Adige fino a Lampedusa.

    http://www.senato.it/istituzione/29375/131276/131285/articolo.htm

    Non mi importa di sapere chi sia il commentatore e non ho difficoltà a scendere trivialmente al livello di un pony, tanto che io sia un coglione e un ignorante è cosa risaputa e si può andare oltre e scendere ancora in bassezza.

  12. michele ha detto:

    La prossima volta se ricapita ma dubito, dopo aver pulito come dice Angelica, conviene farne un pacco e ridarlo indietro all’autore o gli autori di tanta cortesia.
    E fra gli ulivi i cavalli si e sempre, ma certi cavalieri meglio tenerli lontani per impedire facciano danni.

  13. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non caricherei di troppa importanza un avvenimento così scarno di contenuti e rispetto del luogo che si commenta da solo.
    A fronte di tanta leggerezza si rimane sprovvisti di parole ma pieni di stupore per come si utilizza l’amor proprio e l’intelletto prevaricando prepotentemente tutto e tutti pretendendo poi attraverso percorsi logici parecchio illogici di essere perseguitati quando invece si è non capenti o privi di un minimo di buongusto e parecchio supponenti.
    Gli spazi che curo, di proprietà o in affitto sono aperti a chiunque arrivi animato da buone intenzioni e gli animali sono sempre i benvenuti, poi c’è anche scritto ben visibile fra le piante.
    Credo non risuccederà un fatto del genere.

  14. Filippo Cintolesi ha detto:

    Dopo tutto, si noti, nemmeno ci viviamo a Vertine, quindi cosa ce ne frega? Siamo arrivati al piu’ bieco uscismo (il localismo e’ gia’ in odore di internazionalismo di fronte a simili ragionamenti), quel che non tocca l’uscio di casina propria non riguarda e, sottolineo, non DEVE riguardare. Parola mia, che non sono “del posto” come gia’ a suo tempo mi sono sentito rinfacciare, e che tuttavia sul posto, decenni fa, ho avuto il privilegio di conoscere uomini e donne che a sentire certi discorsi inorridirebbero. Uomini e donne che dormono la’ dove quel criminale impunito del Pagliantini ruba l’acqua, a meta’ strada fra “il posto” e il sudicio di casa mia.

  15. Silvana ha detto:

    Non vivo a Vertine nemmeno io, però chi insulta anonimamente mi fa lo stesso effetto delle deiezioni equine fuori posto, citate dal Pagliantini: fastidio, per un gesto di scarsa considerazione degli altri.
    Ma di certo la merda di cavallo è meglio di tante merde in circolazione….

  16. Ric ha detto:

    La libertà non si dimostra con danneggiamenti, cazzottamenti, minacce e questa pochezza di pensiero verso il prossimo e un posto qualunque si tratti fuori dal proprio uscio di casa.
    Si, la prossima volta la merda di cavallo deve essere impacchettata e restituita al mittente.

  17. Andrea Pagliantini ha detto:

    Solo reazioni scomposte e sguaiate in defecazio isterica ad evidenti verità messe in pubblico alla luce del sole essendo pubblico il suolo di cui si parla.
    Reazioni sguaiate e scomposte che dimostrano la pochezza delle argomentazioni e che sono sintomo di scarsa libertà interiore e amor proprio verso se stessi, prima che verso un luogo.

  18. bobbe ha detto:

    ma quelle 7 “ooooooo” che sono al posto del nome, sono il numero dei neruoni di cui è in possesso il nostro “cavalier cagante”?!?! Mah, anche io non sono di Vertine, ma ho spalato sia una cagatella di cane che di cavallo e non mi paiono proprio la solita cosa e comunque non capisco il collegamento…grullo io…

  19. Andrea Pagliantini ha detto:

    Sette è un numero esagerato, ma non si deve infierire sul prossimo quando è in difficoltà fisica e mentale.
    In secondo luogo c’è anche questa piccola cosa rientra nella stilistica.
    Poi, che ti devo dire Bobbe, te che stai per diventare babbo capisci non sta bene un giardino con le giostre inzaccherato dai cavalli…. si vede i conduttori dei cavalli non sono babbi di niente e non ci arrivano.

  20. Silvana ha detto:

    ooooooo vuol dire sette volte zero.
    0 x 7 = 0

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...