Testa Pelata assunto dalla Guardia di Finanza

Non è sparare sulla damigiana di anti depressivi ingoia quotidianamente il mitico commercialista scarsamente abile e infinitamente disonesto Testa Pelata, ma si tratta di una notizia degna di rilievo da mettere in doveroso risalto.
La Guardia di Finanza ha fra i suoi reparti speciali un gruppo si occupa dell’addestramento di cani da valuta, ovvero particolari animali che posti nelle stazioni, aereoporti, valichi di frontiera, avvertono l’odore dei soldi nei bagagli dei passeggeri che sognano di portare nei tanti paradisi fiscali.

Considerando il tempo e le difficoltà per addestrare un  animale, la Guardia di Finanza ha fatto due conti e pensato che  il fiuto per il contante del commercialista disonesto, potesse essere messo al servizio dello Stato e quindi della collettività, facendogli annusare i bagagli dei voli in partenza per la Svizzera e le Isole Cayman da Malpensa e quelli da Roma Termini per i principatini europei.
Il fiuto per i soldi disonesti del Testa Pelata ha permesso allo Stato di incassare milioni di euro, ovviamente legato al guinzaglio di un Finanziere, e la sera, quando viene ricondotto  a cuccia stanco e affamato, una ciotola di riso soffiato, una manciata di Prozac e un paio di calci nel culo la sua cena.

Bischeroooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Questa voce è stata pubblicata in Storie di Testa Pelata. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Testa Pelata assunto dalla Guardia di Finanza

  1. Paola ha detto:

    Finalmente ritorna quel mollusco del testa pelata!!!!! Che gioia 🙂

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Insomma, ora dire gioia mi pare eccessivo, diciamo un gradito ritorno su un blog che ha fatto conoscere le sue qualità al contrario un pò in giro e spero abbia permesso a future vittime di non rimanere incastrati dalla sua monumentale incapacità onesta.

  3. villetta abusiva ha detto:

    Dal nostro punto di vista anche se tende a far finta di non intendere e non capire, non gli faremo sconti perchè quando truffava sulle spese da sostenere sulla costruzione delle case, i soldi se li metteva in tasca felice e sereno nel farlo.

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ben detto e ben fatto e se vi venissero dubbi nell’andare avanti pensate a quanto si è fatto beffe dei vostri sacrifici e del vostro lavoro raccontando cavolate e facendo pagare a voi la costruzione delle villette abusive del clan di cui faceva parte.

  5. ambra ha detto:

    bell’ incarico non c’è che dire…su misura

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    E’ tagliato su misura, riesce ad annusare soldi illeciti da chilometri e chilometri, solo che ora, lavorando per la Guardia di Finanza invece di metterseli in tasca li deve dare allo Stato (quindi grande patimento per lui).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...