Le conseguenze del gelo

Poteva essere una strage come avvenne nel 1985, quando l’olivicoltura toscana fu praticamente rasa al suolo con conseguenze anche per le viti,  e invece, a temperature rialzate e neve sciolta o quasi, i temuti effetti di gelo e vento appaiono non preoccupanti per la salute e la produttività delle piante.
Picchi di – 17 nei fondovale e – 12 in collina con un vento freddissimo avvitorcolava gronde e pensieri hanno lasciato piccole spaccature in qualche tallo nuovo e danni evidenti nei soggetti giovani posti su terreni freschi ed irrigati, così come nelle piante incoscientemente potate nel periodo dicembre-gennaio.

Tagli come  prodotti da un tagliacarte sulla pelle che poi si apre e mette a nudo la certezza di seccare e la conseguente perdita di foglie, sono i sintomi gravi che nei prossimi giorni diranno dove dover operare e amputare, mentre conviene considerare un trattamento generale a base di poltiglia bordolese disinfettante in previsone di attacchi di rogna sulle screpolature.
L’autunno e l’inverno miti ma scarsi di pioggie hanno fatto si che le piante si mettessero a riposo e non vegetassero.

Con qualche pioggia in più che faceva caricare le piante di acqua che il clima mite induceva alla vegetazione, adesso saremmo tutti a fare il conto dei morti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in campino e olio. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Le conseguenze del gelo

  1. Marco ha detto:

    Anche io ne capisco poco sò per certo che gli ulivi non vanno assolutamente toccati con il freddo per non compromettere la produzione, dopo la gelata ci saranno diminuzioni per la quantità dell’olio?

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Presto per dirlo, ma di certo gli ulivi non hanno beneficiato del freddo.
    Bisognerà vedere le screpolature sulla pelle cosa portano, anche se per una volta sono ottimista.

  3. mario ha detto:

    mi sembrano leggermente virati di colore ..speriamo bene..

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ho visto ulivi dementemente potati nei giorni prima la gelata che ogni minuto passa diventano del colore delle foglie di quercia.
    Gli altri in linea di massima stanno bene,c’è solo qualche pianta con le foglie vanno al marrone nei punti di maggior sbocco del vento,ma con il sole calduccio di questi giorni tutte le magane verranno al pettine…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...